accedi   |   crea nuovo account

Uomini giusti ed eroi

forze convergenti nel malcostume
in overdosi radio-televisive
e beghe condominiali
sui titoli di testate nazionali

cultura internettuale
in utilitaristici pensieri filosofici
mai scritti con l'inchiostro
o con l'anima d'una penna

fogli intonsi vuoti di versi
sentimenti bit-dimensionali
digitalizzati approcci nel web

sex-simbol messaggeri di sedicenti verità
in astratte manipolazioni portatori sani d'anoressia
sostentamento bulimico d'immature folle

contenuti d'informazione

come leggende metropolitane
trattati da programmi demenziali
tra il matrimonio del figlio di
e la presentazione dell'opera:
"saggio sul peso specifico
delle tette rifatte di belene"

santa madre chiesa multimedia
8x1000 pedopornografico
nella home page del vaticano
tra continue ingerenze politico-sociali
e celestiali presunte apparizioni
ad imploranti disperate masse
paganti l'ici in vece di san pietro

e tant'altro ancora v'è da dire
dell'inutile postuma gloria dell'alloro
accanto alla pubblicità d'un lungomare
nel pieno della pagina d'un giornale
col "sentito sdegno" dell'indifferenza

due pistole e qualche chilo di tritolo
per quei pochi convinti
e ammazzati uomini giusti ed eroi
ad uccidere speranza e dignità
posson bastare

 

l'autore senzamaninbicicletta ha riportato queste note sull'opera

vent'anni dalla stage di capaci


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Teresa Tripodi il 25/05/2012 23:23
    condivido in tutto la dedica ed il pensiero di denuncia
    ... non aggiungo altro... il testo lo hai detto con degna lode
  • mauri huis il 25/05/2012 11:49
    Dopo aver visto ieri un ottimo servizio di Giovanni MInoli su Falcome e Barsellino mi sento di dover fare una rettifica al mio commento di ieri. Questa. Che nello stato in cui viviamo per essere uomini giusti bisogna essere eroi. E loro lo furono.
  • mauri huis il 24/05/2012 17:53
    Bellissima, furente poesia denuncia che mi trova d'accordo su tutto tranne che in una cosa. Non dovremmo aver bisogno di definire eroi uomini che furono soltanto veri e onesti servitori della nazione. È piuttosto lo stato ad aver bisogno di essere chiamato come si merita: stato di merda. Ricordo ancoraq la vergogna che provai quell'anno. Morì allora il mio già scarso amore per questo stato imbelle e irredimibile, e non si è più riacceso. Scusa lo sfogo, Sergio, ma il tuo scritto pungente e sanguigno me l'ha letteralmente cavato fuori. Complimenti a te e onore Giovanni e Paolo, quelli con la toga, non quelli cin la tiara!
  • Anna Rossi il 23/05/2012 22:07
    poesia come denuncia sociale. ben scritta. perchè non bisogna dimenticare.. gli eroi. ma, mi chedo, sarà servita a qualcosa la loro morte? siamo un popolo arreso?.. quando diventeremo tutti un poco eroi anche nelle piccole cose quotidiane?.. Bravo senza, molto bene!
  • Anonimo il 23/05/2012 18:17
    Quante volte mi diletto a guardare films dell'orrore: follia, adrenalina, speranza e lieto fine. Finzione certo ma con un forte senso di giustizia. La nostra realtà, la nostra storia così tragicamente VERA non lascia via di fuga. Nessun giusto, nessun eroe... solo VITTIME e sopravvisuti, solo traumi e amnesie, solo fughe!
  • Grazia Denaro il 23/05/2012 15:49
    Tutto viene metabolizzato troppo in fretta in questo nostro mondo disgregato e purtroppo il coraggio degli eroi non viene più considerato...
  • Elisabetta Fabrini il 23/05/2012 13:59
    20 anni e non è cambiato nulla...
  • Anonimo il 23/05/2012 13:37
    Precisazione: la faccina non c'entra nulla... E aggiungerei un "purtroppo" alla fine.
  • Anonimo il 23/05/2012 13:36
    Qui non c'è solo la strage di Capaci (anche Via Caetani, Piazza Fontana... Non solo episodi legati alla "Mano Nera", v'è tutta una serie... C'è tanto, tantissimo altro da dire. Ma chi sono questi uomini giusti? E chi sono gli eroi veri? Ci sono tutt'oggi? Questo dovremmo domandarci...
    Chi ha memoria, stai pur certo che non dimentica. È l'informazione (se si può parlare ancora d'informazione...) che frantuma la memoria trasformandola in uno show televisivo per mentecatti... Funerali e foto di ragazzine MINORENNI messe in mostra così, tanto per far "audience", dopo morte. Questo è il ripetto al giorno d'oggi.
    Come ho già sottolineato: c'è tanto da dire...
  • stella luce il 23/05/2012 12:22
    Purtroppo si dimentica tutto troppo in fretta, o meglio diciamo che c'è chi vuole che si dimentichi in fretta... la tua poesia e piena di grandi e sconcertanti verità... tante sono le stragi che si sono dimenticate, che sono passate nella totale indifferenza... e questo è uno schifo... hai ragione... se tu chiedi della farfalla di Belen tutti sanno, se invece chiedi 20 anni fa cosa accadde nessuno pare ricordi più nulla... prima o poi si spera che gli animi di tutti si sveglino ed inizino a pensare con la loro testa... bravissimo come sempre...
  • karen tognini il 23/05/2012 11:03
    Una bellissima poesia-denuncia... e noi continuiamo a fare finta che tutto vada bene...

    e tant'altro ancora v'è da dire
    dell'inutile postuma gloria dell'alloro
    accanto alla pubblicità d'un lungomare
    nel pieno della pagina d'un giornale
    col "sentito sdegno" dell'indifferenza
  • karen tognini il 23/05/2012 11:02
    Una bellissima poesia-denuncia... e noi continuamo a fare finta che tutto vada bene...

    e tant'altro ancora v'è da dire
    dell'inutile postuma gloria dell'alloro
    accanto alla pubblicità d'un lungomare
    nel pieno della pagina d'un giornale
    col "sentito sdegno" dell'indifferenza

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0