PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Titani del Nulla

Puntai i piedi per terra
e gli occhi verso una stella che non c'era.
Sopra di me, nuvole d'un avorio vivo e intenso,
cariche dell'ennesima tempesta;
dentro di me, violini che suonavano
una sinfonia che sapeva di bufera.
Ed in fondo non era altro
che l'ennesima armonia dell'orchestra.
Vagano imperiture le nuvole nella volta celeste,
Guardiani della terra,
Giganti del Cielo.
Vagano a tentoni gli uomini nella brulla penombra,
Titani del Nulla.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 23/05/2012 12:58
    Si Riccardo, titani del nulla. Però titani sono. E il nulla, se nulla è, nulla resta. E se mai il nulla avesse voce, siamo stati noi a dargliela. ***** Franco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0