accedi   |   crea nuovo account

La donna che è in me

Penso alla donna sconosciuta
che è in me,
come corre e si ferma
verso l'arco del ponte
quello stesso dove tu passasti
in una giornata fatta di negazioni,
tu.

Una donna
che mi appare alla piega dell'occhio
quella che dipingo
ogni mattina
con colore nero compatto
ed inghiotte iride e pupilla
in una gioia silente e selvatica.

 

7
8 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 23/05/2012 18:51
    In questa tua poesia esprimi davvero la tua essenza, il tuo carattere. Tanto di chapeau!
  • Rocco Michele LETTINI il 23/05/2012 17:59
    Un verseggio di un toccante personalismo... che è poi dentro in ognuno di noi... non importa se donna o uomo... sensazioni uniche nel costante quotidiano...
    BRAVA MARIATERESA... CIAOOO!!!
  • Andrea Pezzotta il 23/05/2012 16:20
    Una bellissima poesia.. La donna sconosciuta che è in te e che viene intravista d'improvviso

8 commenti:

  • agave il 29/08/2012 21:27
    ma quanto sei brava? complimentoni
  • Anonimo il 16/08/2012 22:24
    Bellissimo ritratto...
    Bei versi complimenti
  • mario durante il 26/05/2012 17:59
    L'attimo in cui si fissa la vera immagine di noi stessi.
    Immagine sempre rincorsa e mai raggiunta, salvo in quell'istante che si perde poi nel tempo.
    Bellissima, da brividi.
  • Anonimo il 25/05/2012 11:49
    bellissima morry... una donna a volte sconosciuta, a volte curata e riconosciuta... forte introspezione... sempre brava poetessa...
  • Gianni Spadavecchia il 24/05/2012 14:57
    La donna che è in te, vista ma ancora non del tutto conosciuta..
  • mauri huis il 23/05/2012 21:11
    Autoritratto in pochi tratti essenziali di bianco e nero. Bello ed essenziale. Figlia di pittrice eh?
  • Anonimo il 23/05/2012 18:24
    Bella descrizione di quello che, di solito, è in ciascuno di noi. Encomiabile per la consapevolezza che esprimi, segno di una vera e profonda analisi di te stessa.
    Bravissima Mariateresa!
  • Teresa Tripodi il 23/05/2012 16:19
    è una bella ed anche triste descrizione Mariateresa... la consapevolezza di sapere che va giù l'amaro di un non riconosciuto... un pensiero sofferto ma dallo stesso pensiero ne trae forza e caparbietà come se fosse un mascherare al mondo il proprio sdegno... questo è carattere... brava Mariateresa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0