PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sperduta l'alma mia ricorre a te

Sono forse un nulla in purezza io?
O forse sono un verbo libero ma codardo?
Di Schubert l'Ave Maria canto in sotto voce
così che il mio amen finale non sia udito
da questi miei io deformi.
Sono forse una grande verità in purezza io?
O forse sono verbo libero e coraggioso?
Di Shubert l'Ave Maria canto con voce alta
così che il mio amen sia udito
e possa così portare il giusto
rispetto a quei verbi deformi
senza i quali non ci sarebbe pietà
senza i quali non ci sarebbe
un giusto Amen.

 

4
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Valentina Corbani il 23/05/2013 08:54
    Piaciuta particolarmente, soprattutto perché si vede molto chiaro che la carità e l'amore. I miei complimenti

4 commenti:

  • Anonimo il 02/07/2012 09:48
    un preghiera... sommessa... per ritrovare un'anima perduta... ed un sentito Così Sia... a voce alta...
    molot apprezzata complimenti di cuore...
  • Giusy Lupi il 24/05/2012 22:05
    Molto bella la tua poesia, il finale mi è piaciuto molto...
    ... senza i quali non ci sarebbe pietà...
    ... senza i quali non ci sarebbe..
    il giusto Amen...
    Grazie, alla prossima lettura
  • mary il 24/05/2012 13:43
    in(d)osso questi versi che sono anche il mio viaggio fra coraggio, codardia e purezza.. viaggio a tratti quasi silenzioso.. ora libero in volo.. molto.. molto apprezzata
  • Ugo Mastrogiovanni il 24/05/2012 09:55
    Versi energici e sinceri tra singhiozzo e pace. In un muto canto espiatorio l'autore si dibatte tra purezza, codardia e coraggio; non si riconosce e non accetta il suo "verbo libero" passato. Ammette errori trascorsi che denomina "verbi deformi " e si ripropone di redimersi per imporre il dovuto rispetto a persone e cose. I suoi interrogativi, che rendono il testo flessuoso e ben intonato, sono una prece che s'identifica nel canto, prima sommesso e poi intenso, dell'Ave Maria. Quell'Amen è una risposta/assenso alle sue nuove intenzioni. Ben tornato tra noi Battistelli!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0