PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sul dolore

come i neri bachi
golosi delle
saporite foglie
del gelso
fanno sul loro verde
tessuto tanti forellini
ad ingrandire mangiando
attorno attorno,
riducendo le foglie
alle sole nervature,

cosi il dolore...
giorno dopo giorno
si nutre
spolpando fino all'osso
il fogliame, linfa vitale,
del nostro albero della vita.


E come il filugello
ingrassato, sbavando
filo d'oro, gira
su se stesso
a formar bozzolo
dentro il quale prigioniero
resta,
producendo la preziosa
seta,

così noi,
afflitti dalla sofferenza
ci sigilliamo
in noi stessi
isolandoci dal resto del mondo,

fin quando
a quel dolore,
comprendendone
il giusto senso,
diamo elevato valore

e con i suoi fili dorati
ordiamo un prezioso
tessuto
per rinnovare
la nostra vita.

 

7
8 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 24/05/2012 21:13
    In questo componimento Loretta dimostra tutta la sua capacità di fine poetessa. Capace con un apparente semplice similitudine, e con parole calzanti e sentimento vero, di donarci una piccola perla di sentimento di saggezza.
  • Anonimo il 24/05/2012 21:07
    Nel mio immaginario, è' la spiegazione del dolore che una madre potrebbe dare ad un figlio che sta soffrendo, esempi che alla fine conducono ad una speranza.
    Una speranza che è vita nuova dopo la tempesta.
    L'autrice continua il suo percorso poetico, raccontandoci il vivere, con maestria sublime.
  • Rocco Michele LETTINI il 24/05/2012 19:47
    "afflitti dalla sofferenza
    ci sigilliamo
    in noi stessi
    isolandoci dal resto del mondo"...
    Diagnosi esemplare... per una terapia infallibile...
    "ordiamo un prezioso
    tessuto
    per rinnovare
    la nostra vita"
    Dottoressa i miei ossequi... Ciaooo!!!
  • Grazia Denaro il 24/05/2012 19:23
    Il dolore serve a rinnovare la nostra normale vita, a fortificarla, c'insegna a saper resitere agli affanni della vita, a rifletterci su e spesso a farci evitare di sbagliare. Non dobbiamo chiuderci in noi stessi, ma agire in modo da non incorrere nello stesso errore. Una Lirica scritta magistralmente e piena di metafore che l'arricchiscono, c'induce a riflettere. Apprezzata!

8 commenti:

  • Luca il 18/09/2013 19:17
    Loretta, ho letto questa meraviglia circa un anno fa se non erro, ne sono rimasto da subito estasiato. Questa poesia è tra quelle che più amo, fantastica e complimenti ancora.
  • Bruno Briasco il 26/05/2012 08:38
    Una perla di poeia che rispecchia realtà, vissuto e consapevolezza del limite umano. Bella Lor complimenti davvero.
  • Don Pompeo Mongiello il 25/05/2012 21:49
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua veramente bella!
  • Gianni Spadavecchia il 25/05/2012 14:44
    Molto profonda ed intensta, bravissima.
  • vincent corbo il 25/05/2012 07:29
    Che dire? è una verità in versi, un viaggio di sofferenza, comprensione e rinascita.
  • Elisabetta Fabrini il 24/05/2012 21:16
    Semplicemente splendida... sei in forma, scrivi da Dio ultimamente!!
  • Giacomo Scimonelli il 24/05/2012 19:21
    raggiungere il massimo del dolore e rendersi conto del vero valore della vita... arginare sofferenza e tristezza è l'unica soluzione..
  • Anonimo il 24/05/2012 19:05
    Bellissima Lor, condivisa la filosofia del dolore, ma un po' di meno non guasterebbe affatto!
    Piaciuta e apprezzata, come sempre!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0