username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tra il giorno e la fine

Quel filo di luce
qualcosa vorrà pur dire:
sarà quasi l'alba,
o il momento peggiore
per l'umanità.
Sono un uomo pacifico,
confido sempre nella buona sorte.

Le tende sono troppo scure,
e poi non capisco
il senso di quelle striature,
proprio là, vicino al soffitto.
Chiudo gli occhi
ma ritrovo lo stesso effetto.

L'amore dorme,
a due centimetri, forse tre,
dall'angolo del mio cuscino.
Mi chiedo come sia possibile
tanta felicità a portata di mano,
e non poterla misurare.
Mi sfugge sempre qualcosa,
come fossi solo uno
dei vasi comunicanti.

Tra il giorno e la fine
non c'è sostanza che s'adegui
al contrasto tra le ombre,
non c'è porta, non c'è confine;
persino l'eternità
ha bisogno di una base d'appoggio.
Il tempo non vive
che di spazio e di paure.

E quella luce rossa
sulla parete di fronte?
Provo a fissare un punto diverso,
chiudo i sensi,
trattengo il respiro.
È tutto inutile,
il punto rimane,
impassibile e regale.

Se domani provassi
a cambiare rotta
mi troverei di nuovo qua,
a pensare d'essere già diverso.
L'amore continua a dormire,
con le mani aperte
e un sorriso che mi spaventa.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/05/2012 15:57
    Bella osservazione su ciò che ti circonda. Sembra "Viaggio intorno alla mia stanza". Oltre all'osservazione entra in campo il sentimento e la riflessione. ciao

2 commenti:

  • mariateresa morry il 26/05/2012 11:23
    Ehi Vincenzo, malgrado tutto, si è sempre molto soli a questo mondo, anche con l'amore a due centimetri di distanza. La solitudine del sentire profondo, quando si sa che c'è un raro spiraglio diretto tra noi e l'anima, sul far dell'alba. Molto bella davvero! Guarda che non posso mandarti messaggi perchè hai il blocco innestato su questo utente non vuole ricevere messaggi. Volevo infatti ricambiare i tuoi saluti, ma non mi è possibile!!
  • tylith il 25/05/2012 11:21
    Bellissima poesia che si dimena tra la consapevolezza di quello che si ha e la paura di non rendersene conto e di venire attratti da altro, da quello che non si conosce.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0