accedi   |   crea nuovo account

Aion

Il fuoco delle strutture
riporta in vita la morte delle fucine
cielo grigio su grigio
scivola leggero tra le coltri dello spirito

Una strada che ributta
uno strumento che non risuona
fedi bulimiche scatenano gli infestanti
e strade si schiudono al passaggio germanico

Copiosa
la folla scarnificata
non discerne la sana follia
dall'angusto fervore
di spettri cavi e insane manipolazioni


Aion indistinto
tra giorno e notte
srotola il serpente
e sgrana rosari metallici
additandoci
uno ad uno

 

l'autore laura cuppone ha riportato queste note sull'opera

Circondata da falsità che minano le mie intime credenze, striscia in me goliardia e rabbia, per insana e vanagloriosa chiesa...


2
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 08/06/2012 21:58
    Non dobbiamo lasciarci ingannare da quella che è l'istituzione chiesa. Per me laico, in parte è da salvare. Tutte le associazioni che sono di volontari cristiani, che si impegnano nel quotidiano per lenire la sofferenza altrui. Bhe, questi vanno esaltati. Certo come tutti gli imperi, da quello romano a quello statunitense, anche quello della chiesa è destinato ad implodere e trasformarsi. Condivisibile la tua rabbia attuale, ma il vento stà cambiando, all'interno della stessa chiesa, che comunque rimane un simbolo culturale della nostra terra.
  • Pepè il 06/06/2012 10:02
    Poesia criptica nelle immagini e chiara nelle emozioni.

5 commenti:

  • augusto villa il 11/06/2012 22:44
    Laura... Ti voglio bene proprio perchè sei così!!!
  • laura cuppone il 11/06/2012 19:22
    Credere é una intima, meravigliosa possibilità... fare qualcosa di concreto nella realizzazione della Parola é seguire la Parola.
    Nulla a che fare con l'impero creatosi attorno ai cuori umili dei credenti che oramai li attorciglia come filo spinato e se ne serve a suo piacimento.
    Sono rari i rappresentanti del cattolicesimo che incarnano la Volontà nel suo più profondo e umile senso... pochi quelli che assistono la malattia, che vivono davvero di carità, speranza e fede. Quasi sempre si tratta di sacerdoti (quasi sempre ribadisco), poche volte o quasi mai di alti prelati ingioiellati e imporporati.

    Gli esempi purtroppo della negatività nel cuore e nell'intimo della chiesa sono troppi e mi sento delusa e presa in giro o forse sono solo invecchiata e diventata cinica e diffidente.
    Conosco laici e "addirittura" atei che fanno la Volontà pur non chiamandola così, notti e fatiche per amore del prossimo oltre ogni immaginazione...
    e seppure la chiesa dona, non lo fa certo del suo ma con quello che le é stato donato...

    la mia é una opinione e uno sfogo...
    il mio cuore é una goccia d'acqua, infima e senza importanza... ma Dio Tutto È e Conosce...
    forse non riesco a perdonare mentre Lui lo Fa...
    forse sono peggio di chi critico...
    non so... mi sono sfogata un po'...

    grazie a tutti!!!!
    Laura
  • Pepè il 06/06/2012 10:01
    Per rendermi conto della vanagloria della chiesa simbolicamente penso che a Gesù è stata data una corona di spine, mentre Papi e Vescovi indossano prezziosissime mitre.
    La Fede per me è santa la chiesa no!
  • augusto villa il 03/06/2012 15:29
    Ricorda che c'è qualcuno che è soprannominato
    "Il divisore"... Stiamoci sempre attenti.
    Aggiungo: è da dentro che si combattono certe cose... Non da fuori... se è vero che son vere... le nostre intime credenze... Questo ovviamente vale anche per le cassettiere...
    ------
  • augusto villa il 03/06/2012 14:20
    È ben scritta... Un po' troppo ermetica... Penso comunque che ciò di cui parli... sia stato programmato da anni.. e atteso.
    Indignamoci piuttosto per la parata del 2 giugno... una vetrina d'armi ultimo modello... che solo morte possono generare.
    Il presidente della repubblica, alla richiesta di evitare questo spreco replicò con un "non zi buò"... Non poteva e neppure voleva deludere il mercato delle armi...
    Nel primo caso invece non sono stati usati soldi pubblici... e per di più mi è parso un ottimo investimento.
    Ciao Fatina...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0