username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

San Felice

Cadono stelle
da un cielo a testa in giù
come coriandoli
volano ricordi
da pareti di cartone.
La luna
è una strega stanotte
che scuote
anime e palazzi
in una folle danza
di corse sulle scale
di culle abbandonate
di preghiere lanciate in aria
come fuochi d'artificio
senza luci né colori.
È festa della morte
è un ballo in maschera
di volti truccati
di polvere bianca
e lacrime scarlatte.
È un carnevale pazzo
di sirene disperate
di ginocchia piegate
e mani sugli occhi.
Si scuote
un dio malvagio
spalancando abissi
di paure dimenticate
di certezze divorate
come corpi crudi
di angeli senza ali.
La terra stanca
inghiotte
i nostri peccati
in uno sbadiglio.

... per non dimenticare...

 

5
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 28/06/2013 21:50
    Molto particolari sono queste tue liriche ( è la seconda che leggo ) in cui il divino si mesce con l'onirico in un crescendo di parole/immagini, che rapisce il lettore e lo scuote dal suo torpore di non senso nel quale giace. Ottimo lavoro amico ciao Silvia
  • Maurizio Gagliotti il 19/09/2012 22:22
    Non è immediata ma alla fine gira e come C'è tutto metrica belle metafore. Era tanto che non leggevo niente di valido sul sito
  • Anonimo il 26/06/2012 23:32
    Poesia che svonvolge complimenti
  • Vincenzo Scolavino il 05/06/2012 17:48
    Complimenti per la scelta lessicale. Questa poesia evoca immagini e suoni di una notte "cattiva", perversa, preghiere vane e anime di peccatori. La città e in fiamme, ma io mi chiedo... alla fine c'è la redenzione o l'oblio?

4 commenti:

  • Aliena il 29/06/2012 21:42
    molto bella, complimenti.
  • Alessia Lombardi il 26/06/2012 21:52
    Lirica apprezzatissima
    I miei complimenti!!
  • Anonimo il 30/05/2012 13:17
    Non so se sia la terra che inghiotte i nostri peccati in uno sbadiglio, ma tu sei un poeta. ***** Franco
  • Anonimo il 30/05/2012 12:58
    Il terremoto delle cose e delle anime... è una poesia tanto struggente quanto vera purtroppo. Versi sentiti, sembra esserci in quello sconvolgimento. Bellissimi versi!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0