PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mattinata ferrarese

A tratti si ode per la via
un canto di civette innamorate,
per molti è lugubre presagio
a me non dispiace, anzi,
allegramente ascolto e taccio.
Solo le ovattate nubi del cielo
spengono ogni allegria
mentre la foschia spettrale
scende sui tetti e per le strade
impedisce ai primi raggi del sole
di riscaldare gli afflitti
in questa mattinata ferrarese.
Siamo a Ferrara
lontano dal tristissimo inverno
dai suoi rigori,
eppure qualcosa viene a rincuorarmi
un dolce tintinnio di campanelli
le tante biciclette che per la via
sfilano davanti al Savonarola il truce
e lasciano il centro della città
forse dirette al grande fiume,
gli anziani si salutano allegramente
chi va a bere un bicchiere di vino
chi va a pescare.
Oggi la città e ferita
scossa da un terremoto
che ancora non trova pace;
ritornerà briosa questa città
ne è capace la sua gente!

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 06/06/2012 20:24
    Ho avuto il piacere di visitare il ferrarese qualche anno fa, purtroppo mai Ferrara, e le immagini che ci arrivano, della tragedia umana prima di tutto, e quella culturale, lasciano sgomenti e in ansia. Non posso che unirmi allo spirito di speranza che l'Autore indica sul finale. Considerato che un luogo è un insieme di persone, e le persone che siano dell'emilia o che siano della romagna, non me ne voglia, sono di una simpatica unica.

3 commenti:

  • Anonimo il 22/06/2012 18:01
    Molto bella. Un affresco sereno in mezzo al tanto sgomento portato dal terremoto. Una mattinata ferrarese che, col tintinnio dei campanelli e le sue biciclette, dà speranza agli animi scossi dalla tragedia. Bravo!! ciao
  • mariateresa morry il 21/06/2012 13:04
    Molto ricca di immagini e di colori, questa tua!! Verissima l'immagine delle tante biciclette che la percorrono... ma tutta l'aria di quella cittadina ospitale e leale, tu l'hai resa proprio bene... quella diffusa cordiale amenità degli abitanti... insomma ferrara l'ho vista bene come è.. me l'hai ricordata benissimo.. bravo!!
  • tylith il 31/05/2012 16:32
    Un Inno a Ferrara e ai ferraresi, un incitamento sincero per ritornare presto alla normalità sperando che la terra smetta di tremare. Bella poesia che parla con la semplicità della speranza.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0