PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ideale

Ti ho donato il mio iride infinito, il mio sangue dannato
Che a gran sorsi ti bevi, mia bellezza ideale.
E di me ti nutri come anima si nutre
E a me tu pensi come corpo si pensa
Come carne dannata si possiede,
tu mi possiedi, mia bellezza ideale.
E con uno sguardo mi calpesti l'anima
Mi torturi le vene con una parola taciuta o detta,
E della mia carne ora faccio brandelli,
poiché non ne avrò mai più bisogno,
non sono più vittima del sogno:
il mio corpo è luce e la mia anima
risuona nei Cieli, come il ruggito del Mondo.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0