accedi   |   crea nuovo account

Poeticomania

Tanti utenti
presenti o nascosti,
girano inquieti
pel forum dei poeti

C'è ch'impugna
regale il brando,
e balla deciso
er ballo de Nando.

Appaiono preti
e Papi indecenti,
che mostrano terga
a tutti i clienti.

Voglio gli spazi,
voglio la luce,
il sole e la luna,
e non i lazzi.

Me piglio le due "z",
mi rendo assente,
spengo il pc
e vado a ponente.

Ma mentre lo penso,
improvvisa m'appare
la poesia suadente,
che vuol farmi sognare.

Rinuncio agli astri,
col dito sul mouse,
continuo inquieto,
tra commenti dolciastri.

Non c'è nulla da fare,
è primavera,
ma qua resto incastrato
fino a stasera..!!..

 

2
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 31/05/2012 11:28
    Senza la mania... de la poesia... non c'è purezza...
    BRAVO AURO... CIAOOO!!!

6 commenti:

  • loretta margherita citarei il 31/05/2012 16:35
    vai al mare tu che puoi! limita il computer e goditi il sole! bellissima amicuzzu
  • - Giama - il 31/05/2012 12:45
    si si è così: tutti poetimaniaci (in effetti detta così fa un altro effetto...);
    bella, brillante!
    ciao ciao
  • Anonimo il 31/05/2012 10:40
    Hai ragione, Auro. Se accendi il pc per dare " solo un occhiata " ... fai notte... L'unico modo è vestirsi ed uscire senza fare il login
  • claudio meazzi il 31/05/2012 10:24
    Si vive di poesia, umile, intensa, vera.
  • Anonimo il 31/05/2012 09:39
    Eh si, hai ragione Auro, sono proprio così: ammalato di Poeticomania. ***** Bravissimo. Franco
  • Vilma il 31/05/2012 09:33
    complimenti, letta in un sol fiato... molto apprezzata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0