PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Ponte

Guardo dal ponte
lo scorrere del Serio,
mesto, lento,
quasi sapesse
la imminente morte
a mare.
Ogni tanto,
un lieve increspo,
come se una parte di sè,
cosciente,
volesse tornare ai monti,
accavallandosi,
con la parte rassegnata.
Il sole,
finalmente a ciel sereno,
caldo e sudato,
si tuffa
nelle limpide acque.
Riappare,
contrariato,
con abbagliante
riverbero.
Dall'alto,
osserva, frastornato,
l'eterna lotta
tra la vita e la morte.

 

6
3 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 20/10/2015 00:19
    apprezzata... complimenti.
  • Anonimo il 05/06/2012 20:20
    Un testo che presenta un buon accostamento di immagini poetiche, sospese tra velati romanticismi ed un'evidente introspezione, celata nei versi, in maniera altalenante. La metafora del PONTE, come anello di congiunzione tra il sentire del poeta e l'immedesimarsi nello scorrere del fiume, è rivelatrice del suo peculiare stato d'animo. Emblematica resta la chiusa che sintetizza i pensieri del poeta. Piaciuta per stesura e contenuto. Complimenti!
  • Andrea Pezzotta il 31/05/2012 21:29
    Ho sempre amato nella poesia la possibilità di utilizzare immagini comuni per richiamare pensieri estremamente nobili e profondi.. tu hai colto ciò che amo, complimenti
  • Rocco Michele LETTINI il 31/05/2012 19:34
    Da lo ponte (l'inferno)... e tutto il nostro vagheggiar...
    Oltre lo ponte (l'eden)... e tutto un guardo di beltade...
    Questo il sentore de lo Tuo singolare verseggio!...
    IL MIO ELOGIO E... LA MIA OVAZIONE...

3 commenti:

  • Shabui. il 31/05/2012 22:50
    Noi uomini abbiamo un così stretto legame con l'elemento dell'acqua. Sublime, sempre o quasi, l'idea del fiume; il "lieve increspo" come desiderio d'un tempo perduto, passato, scomparso dopo un viaggio tra infinità di notti, segno di nostalgia nascosta da un'esperienza che non nega di certo la volontà di ritorno alle origini, alla purezza, alla limpidezza.
    Sulla lotta tra vita e morte, beh, sappiamo tutti quale elemento alla fine trionfa sempre. Per questo, io penso, il mare dovrebbe essere amico. Un'ultima unione nel tutto e nel nulla, dissolvenza della singola coscienza. LIBERAZIONE.
  • loretta margherita citarei il 31/05/2012 20:25
    molto bella ciao amicone
  • Anonimo il 31/05/2012 19:52
    splendido Ezio con questa metafora del fiume. La vita le sue paure le sue ricompense i suoi ostacoli... tutto rispecchiato nell'acqua che scorre...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0