PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Perchè niente era quello che eravamo

Radiose erano le lucciole
nel buio di quella
notte negra notte

e un altro sole
era divenuto un ricordo
perso nei meandri
della nostra coscienza.

Germogliava un qualcosa
dentro al mio cuore
e i tuoi occhi lucenti
ingannavano le mie tenebre.

Ero divenuto ormai
una foglia morta
che danzava nel vento lamentoso
di una fresca primavera

e graffiato
e rinsecchito
e sperduto e stanco
mi adagiai di fianco a te.

"Rispetta i morti " ti dissi dal niente

e tu semplicemente guardandomi
tacesti

perché niente
era quello che eravamo.

 

4
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 04/06/2012 00:30
    No che non siamo niente, siamo eccome, e influiamo profondamente in quel che facciamo. Bella poesia, forse di maniera e con figure un po' su uno stile romantico-retrò. Si sente tanta tristezza e sentimento, hai detto poco hai detto. Ciao Stefano
  • Anonimo il 03/06/2012 15:17
    Fantastica. C'è talmente tanta poesia in questo tuo componimento che mi è partito l'antivirus..
    Davvero complimenti, mi è piaciuta un sacco!

7 commenti:

  • STEFANO ROSSI il 13/06/2012 15:04
    ahahahah grazie Raffa! sei unico! e grazie anche a tutti gli altri, un abbraccio fortissimo.
  • Raffaele Arena il 13/06/2012 14:43
    Intervengo di nuovo su questa tua poesia. Che rileggendola, confermo il fatto che non è assolutamente vereo che non siamo niente, che è come dire che siamo tuttto e niente contemporaneamente. Intervengo per dirti che rileggendola di nuovo, come il vino nelle botti che lo riprendi, ed è ancora più buono. Ecco in certi punti, la trovo davvero ben scritta, senza voler esagerare eccezionale per come è sentita, e per la limpidezza e semplicità in cui la esprimi.
  • Anonimo il 11/06/2012 15:20
    Stefano questa è davvero bella:

    e tu semplicemente guardandomi
    tacesti

    perché niente
    era quello che eravamo.

    a presto!
  • Anonimo il 10/06/2012 15:14
    bella stefano... velata di malinconia... ma piena di sentimento... BRAVO
  • Vincenzo Scolavino il 05/06/2012 17:54
    Complimenti, bella poesia davvero!
  • STEFANO ROSSI il 05/06/2012 10:53
    Grazie ragazzi!!! un abbraccio!!!
  • loretta margherita citarei il 01/06/2012 20:58
    molto apprezzata complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0