PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

E tu non sai

... quando l'alba m'accarezza le ciglia
e coscienza diviene il nuovo giorno
nel cinguettar di voli impertinenti,
quando brilla il ruscello e canta
nel suo ruzzolare fra massi e fronde,
quando tenue si posa la farfalla
sul primo fiore ancora insonnolito
e ondeggia al soffiar di brezza
l'erba già di primule ingiallita,
il fremere d'emozioni in poesia
che danzano impazzite a disegnare
d'arcobaleno dipinto nel mio cuore
quel volto sognato, sempre uguale

non sai quanto grande sia
quel sentimento che gelosamente celo
per non morire al calar del sole.

 

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/06/2012 16:18
    Grazie e leggiadria sembrano danzare tra questi versi a proporre immagini poetiche alle quali manca soltanto una preziosa cornice per chiuderli in uno splendore. L'ultimo verso ha l'essenza della vena poetica tipica dell'autrice e offre al lettore una similitudine perfetta come epilogo di una stesura dolce, seppur sofferta verso dopo verso.

4 commenti:

  • maria angela carosia il 19/06/2015 20:37
    Stupendo, complimenti di cuore
  • elide il 02/06/2012 22:33
    Grazie Loretta.
    Un abbraccio.
    Elide
  • loretta margherita citarei il 02/06/2012 21:06
    bellissimo testo brava
  • elide il 02/06/2012 16:32
    Aurelio sei generoso e grande scrittore anche nei commenti.
    Grazie e... a quando il prossimo libro?
    Ho letto il tuo VIAGGIO IN V CLASSE che mi ha trasportato con te nel mondo reale e ricco di aspettative dello studente che, pur nel desiderio di incominciare la "vita", si rende conto che sta lasciando alle spalle un periodo indimenticabile e irripetibile. Un libro che ho letto emozionandomi, come se quelle vicende, raccontate con la penna del cuore, fossero state vissute da me, tanto erano verosimili e rispecchiavano con fedeltà il periodo in cui ognuno di noi ha vissuto, nella speranza e nel timore associati ed inscindibili.
    Spero di leggere presto la tua prossima opera: sarò una tua fan, in prima fila quando lo presenterai.
    Grazie.
    Elide

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0