accedi   |   crea nuovo account

Mi assolvo

Mi dissolvo,
assolvendomi.
La tua vita era un deserto
ed è diventato un prato.
Sognavi,
sdraiata,
tra  i profumi di erba e fiori,
che il cielo,
non si sarebbe mai annuvolato.
Incredula hai vissuto,
 l'amore inaspettato.
Incredula,
per l'amore che ti ha lasciato.
Io vado.
Ti rimarrò un po' nel cuore,
un po' mi odierai,
ma non cancellare i colori,
oppure fai come vuoi,
di nulla sono pieno.

 

2
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/06/2012 23:57
    Finalmente versi decisi e sinceri, giusto lasciare al proprio destino chi da solo vuoto. Complimenti.

5 commenti:

  • stella luce il 08/06/2012 17:00
    ti assolvi per dissolverti... ma se il tuo andare dona colore, credo sia giusto così...
  • Anonimo il 03/06/2012 00:43
    Ti assovi dissolvendoti e leggendoti capisco perché ti dissolvevi. Giusta autoassoluzione.***** Franco
  • mariateresa morry il 02/06/2012 22:13
    Aled, la poesia merita una riflessione, perchè è bella ma anche un poco terribile. La persona che se ne va e lascia l'altra al suo destino, cerca di trovare un 'ottima giustificazione allla sua decisione, come dire : infondo ho fatto del bene, no? l'ho rimessa in sesto, l'ho fatta rivivere... questo è un ragionamento un poco " peloso" , ma l'hai descritto talmente bene, che merita, quanto a poesia, un plauso
  • Anonimo il 02/06/2012 21:13
    Insomma l'hai lasciata... ma se non ti riempiva di nulla avrai avuto le tue ottime ragioni. Un abbandono che fila liscio liscio da parte tua... chissà lei poverina!
  • Francesca La Torre il 02/06/2012 20:42
    Piaciuta molto:una vera poesia. non mi sembra dover aggiungere altro. Complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0