PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Occhi

Apri gli occhi,
guarda l'immenso che puoi
l'ombra s'allunga al calar del pensiero,
ho raccolto le parole
che hai lasciato
se l'uomo potesse realmente sognare,
piove da un cielo che non ha nuvole
e forse..
il cuore è pervaso da sensazioni
pane appena sfornato,
burro
racchiudi nel latte l'ora del risveglio
ti amo amore mio
e mi basta sentire: "figlio mio!"
mai come ora
un gatto non lo si può rinchiudere
un ciliegio spoglio si spoglia delle ultime rotondità
e ti ripenso
giovinezza
sulla strada dell'oggi
sfila via lungo il passato
passerelle di vita gli occhi,
il vedere è lucido se non mordi
e non tornerà più l'ora
e danzava leggiadra sulle punte il sogno
la pace là
e siamo qui vicini... ma così lontani
quell'angolo è il prossimo
... e lo senti nelle vene:
dolore che sazia!
e' la cosa più stupida:
ho voglia di partire!

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/06/2012 22:14
    Poeseie molto bella che colpisce direttamente il cuore
  • senzamaninbicicletta il 03/06/2012 12:05
    tante belle metafore "l'ombra s'allunga al calar del pensiero" o anche "piove da un cielo che non ha nuvole" oppure "il cuore è pervaso da sensazioni pane appena sfornato, burroracchiudi nel latte l'ora del risveglio" molto apprezzato il linguaggio poetico in ogni verso. La chiusa rende completa la bellezza della poesia. Complimenti

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0