accedi   |   crea nuovo account

Il faro

L'abbraccio delle acque
lambisce le solide mura.
La cima taglia la luna a metà,
gira su se stessa e illumina
la' dove il suo sguardo posa.

Non vuole saperne di dormire
non è stanco di scrutare,
di cercare chissà cosa
in mezzo a quelle onde.

Il mare questa sera mi pare premuroso
lo bacia, lo accarezza,
lo avvolge nella schiuma e nei raggi della luna,
si apposta sugli scogli
scivola dolcemente ai suoi piedi,
lascia un segno amorevole di se'.

La pietra però si asciuga presto...
l'amore evapora e a lui sembra non importare.
Conosce la vita, non vuole affezionarsi
sa'che una madre puo' diventare matrigna.

E così la distesa nera si ritira,
e di volta in volta ritorna sempre più forte.
Le carezze diventano schiaffi,
poi sferzate d'argento, poi impietose fauci
che si scagliano irate sul fango e l'argilla.

Poi di nuovo il silenzio...
E di nuovo i baci
di nuovo le carezze, di nuovo le onde
che divorano la luce lunare.
Non più bianche e speranzose
ora brillano d'opaca tristezza,
rassegnate, si sono accorte
di non aver scalfito la sua magnificenza,
nemmeno una ferita gli hanno impresso,
o un segno di battaglia.

Lui se ne sta lì, a fare la sua parte :
sminuisce il sogno dei romantici,
si prende gioco della notte
se ne frega dell'amore, della vita e della sorte.
Lui fa' il gioco del silenzio con la morte,
perchè sa' di aver già vinto.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 05/06/2012 21:07
    Sapevo di non averti compreso.. Sai cos' e'? Io, quando sono in buone condizioni, mi sento un faro, in mezzo alla vita (mare) che osserva (un po' staccato, ma all'interno di), come anima illumino i miei passi futuri, per poi rientrare in cerca di quel sentiero e con il surf affrontare le onde... Accetto volentieri la tua angolazione
  • Vincenzo Scolavino il 05/06/2012 17:35
    @Alex Il faro è solo la metafora di chi affronta la vita in modo "asettico", perchè crede di superare in questo modo tutte le difficoltà, lasciandole scivolare addosso. Proprio come fa il faro con le onde del mare (la vita) prima amorevoli, poi nemiche. Per questo lui "sà che puo' diventare matrigna". Sminuisce il sogno dei romantici perchè non si lascia sopraffare dalle emozioni, e quindi anche il "tagliare la luna a metà" diventa un messaggio chiaro. Come per dire "la luna è il simbolo degli innamorati, per me invece è solo un satellite, la cui immagine taglio a metà con la mia cima".
  • Anonimo il 03/06/2012 18:50
    Perchè: "sminuisce il sogno dei romantici"?
    Secondo me non sono ore perse quelle passate ad osservare un faro...
    Ciao
  • Rocco Michele LETTINI il 03/06/2012 15:14
    Il mio plauso e la mia ovazione... per questa Tua lodevole poesia...
    BRAVO VINCENZO... CIAOOO!!!
  • Anonimo il 03/06/2012 15:04
    guardiano silente ed attento... bellissima lirica complimenti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0