username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il Pescatore

Vorrei
essere un Pescatore, con le tasche bucate dal sale
ma, piene di briciole di pane duro e Scirocco, incavolato
col mio Amico gozzo
che si muove con perizia, sui marosi
diamine
è uguale a Te, quando
induci al movimento sul mio, cuore
e loro, dicono
la tempesta perfetta...
a ragione
spira la Tramontana, quasi a dare una mano
sulle natiche sincopate
di quel turgore ondoso
meravigliosamente ondulatorio
sciocca, fai pianino...
la notte è lunga e, ci vuole tempo
per sedare, questi refoli ribelli
e
questa tempesta, d'Amore
da qui, all'alba...

 

5
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Centrone Stefano il 16/06/2012 10:17
    Una tempesta d'amore che tutti vorremmo avere, da qui all'alba dei nostri giorni.
    Bella e commovente poesia.
  • Raffaele Arena il 05/06/2012 11:36
    Me la sono letta due volte causa demenza senile, ma sono contento di averlo fatto. La trovo straordinaria per la simbologia usata, non troppo velata, che rappresenta comunque più situazioni, non solo di carattere passionale, una chicca.

2 commenti:

  • Anonimo il 03/06/2012 21:24
    una tempesta d'amore... degna di rispetto metafore bellissime... la notte è lunga... da qui all'alba...
    sensuale elegante molto bella amico caro poeta valente...
    un bacione
  • loretta margherita citarei il 03/06/2012 20:28
    intensa, magnifica amico mio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0