username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Danza

Luce soffusa, luce violenta
Unica luce che acceca e sorregge un'anima sempre nuova.
Oh morbida voluttà divina! Dolce musica, impetuoso istinto,
guida i miei passi,
Plasmami! Trasformami, affinché diventi chiave per il cuore di colui che guarda e gode
di quella danza dall'arcano sapore, che muove la mia essenza...
Che vesti d'argento e seta di Luna, scivolino sotto i miei piedi,
leggeri, sicuri... Sospesi...
Occhi ardenti di gioia!
Un braccio accarezza ammaliante, la terra.
Un corpo esplode verso il cielo!
Dischiudi dalle mie dita, catene brillanti di passione
Così che io possa tessere attorno al mio mondo
ragnatele di vita e fuoco!
Ed il prigioniero atteso si getterà...

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Marcello De Tullio il 15/04/2009 13:32
    molto bella, leggendola ti trascina.
  • Ivan Bui il 13/03/2008 11:23
    ... bella, riesce a coinvolgere chi legge e non é poco.
  • Ivan Benassi il 09/09/2007 18:08
    Riletta é ancora più bella.
  • sara rota il 30/06/2007 11:28
    La danza è sempre un qualcosa di sensuale ed ammiro chi sacrifica se stesso per lei... soprattutto se attraverso di essa riesce a far trasparire tutto l'amore per essa ed il mondo che la circonda...
  • Luigi Lucantoni il 29/06/2007 22:46
    L'introspezione è una grande occasione per sondare se stessi e tirare fuori cose insapettate. Per questo credo che non servano troppi ricami, parole che fanno da metafore di dolcezza. Dovremmo cercare di descrivere in modo da far vedere o sentire a chi legge. È difficle ma provarci è bellissimo. Perdonami se ti sono sembrato pomposo (non ne ho scritta una di poesia introspettiva) Ciao!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0