PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A ciascuno il suo destino

La smorfia trasmetteva umiltà, pace,
fatica, perché a fare l'Angelo ci
si stanca, prima o poi. Commisi un grave
torto a non accorgermi dell'Angelo,
ma la mia scienza è del tutto teorica,
all'atto pratico sto spesso in apnea!
La sorte ha voluto ch'io scrivessi
di Santi e di Martiri, ma al volere
divino non oppongo resistenza,
se proprio devo incensare qualcuno
che non è ancor passato a miglior vita,
lo eleggo forse Martire o persino
Cherubino.

 

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 04/06/2012 13:14
    All'atto pratico stiamo quasi tutti in apnea. Ma importante è riconoscerlo e poi... sottostare al volere divino.
    Ciao Fabio!
  • karen tognini il 04/06/2012 09:12
    Molto bella Fabio... a fare l'angelo ci si stanca...
    vero vero!!!!
  • loretta margherita citarei il 04/06/2012 05:22
    molto originale complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0