PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Momento

Nuovamente ogn'ora fugace e attenta
tra le sporche pareti e fredde e nude
canticchiando va; e tutta contenta
tante tristezze sparse in sè include.

Ancora portentosa e insaziabile
per sempre i sorrisi al mondo strappa;
e preferito a quelli il pianto, vile
punta ancor del padron suo la tappa.

Io seduto questa infinitamente
sento cadere sulle spalle stanche
e di contro guidare tanta gente;

di sconosciuti silenzi mendiche
quelle invano si battono a vuoto
e ridono pure loro, ubriache.

 

2
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: