PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dal ghiacciaio fradicio - preghiera moderna

Dio, mi hai fatta sola
destinata alla cima del Velo della Madonna
mentre arrampicavo dal ghiacciaio
già fradicio d'agosto
e Tu c'eri
E mi volevi sola.
Questa essenza che scorre
come Senna e Tamigi
Tevere e Danubio
penetrati nelle città dei sentimenti
e dei tuguri,
entro le rive scongiurate
delle vite coraggiose e beffate.
Vita che si riposa all'amore
delle campagne chete
e dei porti per morire al mare
avanti a pescherecci.

Già lo sapevi che cosa scrivevi
per me, o Dio.

Ora ti chiedo : vieni tu
alla mia cena, sta sera stessa
Tu Elohim
Tu Adonai
Tu Signore
che nel momento del parto
soffiasti Acquario davanti al lido
e Venezia fremette in una tempesta
di neve.

Neve, nevischio, aculei di ghiaccio
sopra la mia culla
sarei diventata la tua figlia
con il cuore in fusione.

Di questo sono destinata a cantare
se nulla mi sfiora
davanti alla fresca aria della sera
che non sia il Tuo passare
a lato della mia spalla.

 

l'autore mariateresa morry ha riportato queste note sull'opera

Preciso che il Velo della Madonna è una cima dolomitica ( gruppo Pale di san Martino) con cui in gioventù mi sono cimentata, passando per un ghiacciaio fradicio che ci creò molte difficoltà...


1
9 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 05/06/2012 21:09
    Davvero una preghiera sentita. Ma esiste veramente dio? Ho forse in questo momento così difficile e tremendo, si è spostato, è andato verso altri lidi, e pianeti. Piaciuta parecchio. Un abbraccio forte da Firenze!
  • roberto caterina il 04/06/2012 14:39
    Bello il legame tra il nome della cima montana, il velo di suora, sposa di Cristo e la richiesta, delicata, d'amore... Ma invitare Dio a cena è una sfida, un po' come quella di Don Giovanni.. in cerca forse di un destino non già scritto... Fa riflettere, molto..

9 commenti:

  • mauri huis il 13/06/2012 06:01
    Sai come la penso e non mi ripeto. Mi inchino però alla tua arte e al significato profondo di questa tua splendida opera. Oggi è difficle trovare ghiacciai d'agosto sul Velo della Madonna, che è tale solo visto da San Martino, ma idealmente mi ci hai trasportato sull'onda della tua emozione. Perciò grazie, magnifica Morry!
  • Ellebi il 07/06/2012 01:58
    Versi davvero difficili da decifrare e quindi da commentare, e anche dopo aver letto il tuo chiarimento, davvero necessario, la poesia resta misteriosa nella suo ultimo significato. (ci sono preghiere moderne o antiquate?)
    Resta l'intensità, e non è poco per una preghiera. Complimenti e saluti.
  • Anonimo il 04/06/2012 21:10
    Introspezione con mille perché senza una chiara risposta, ma un tocco di grazia infinito che vale tutti i perché. ***** Franco
  • vincent corbo il 04/06/2012 17:00
    Questa è "diversa"...è come se ti fossi fatta trasportare dal vento.
    Forse una delle più "di pancia".
  • loretta margherita citarei il 04/06/2012 16:25
    dio non c'è bisogno d'invitarlo a cena se è ospite fisso della tua casa, originalissima poesia, mi complimento
  • mariateresa morry il 04/06/2012 14:56
    Per Roberto: il testo non esprime una predestinazione a vita monastica, il Velo della Madonna non è un velo da suora, come ho spiegato, ma una cima montana dove ho sentito a fine rampicata, una solitudine assoluta, così speciale da credere mi fosse stata donata. Poi io non ho "invitato" il Signore a cena, è come avergli detto " passa per casa mia"... grazie in ogni caso del tuo contributo al pensiero.
    Per Vincenzo: la notte in cui nacqui, gennaio 1954, era in corso una tempesta di neve, quindi davvero vi fu ghiaccio simbolico sulla culla e si alzava nel firmamento l'Acquario.. forse tutto inizia anche nel modo in cui si nasce. Grazie molte..
  • Vincenzo Capitanucci il 04/06/2012 14:41
    Ci sarebbe tantissimo da scrivere... MariaTeresa... in questa Poesia... c'è Tutta una vita... ed una predestinazione... aculei di ghiaccio... sopra la mia culla..

    Auguri... e complimenti per la forma di espressione... notevole... in questa luce d'Acquario.. simbolo di una nuova Era... nuotano Pesci divini...
  • mariateresa morry il 04/06/2012 14:31
    Ti ringrazio molto Capitano, della tua attenzione... questi non sono versi facili, ma la tua sensibilità riesce sempre ad aprire un varco... Ti ringrazio molto!
  • Vincenzo Capitanucci il 04/06/2012 14:20
    Ad Adonai... donai il mio cuore... attraversando il fradicio ghiaccio... del mio io... con un velo di Madonna...
    Bellissima MariaTeresa... destinata a scrivere... la solitudine ed il canto... dei quattro fiumi... usciti dell'Eden...

    della Senna... la luce...

    del Tamigi... la fredda elaganza...

    del Tevere... l'eternità...

    del Danubio... la musicale danza...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0