PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dentro la corazza

Quali lacrime,
quale sofferenza,
quale afflizione...
Immersa in un mare di dolore
nulla mi tocca,
niente mi oltrepassa,
niente supera la barriera
che si eregge a protezione
della mia anima barricata
dietro una ferrea corazza
nulla entra e niente esce
tutto rimane racchiuso o escluso.

Io che sto dentro non piango e non sento
non c'è freddo o caldo che possa turbarmi
isolata nel silenzio,
nel vuoto senza forma
non trapela la voce ne in sussurro ne in grido
io racchiusa nel mio io
tassello dopo tassello ho eretto la mia fortezza
nessun dolore potrà espugnarla...

Io che sono rimasta fuori
ho trovato le porte sbarrate
busso,
picchio,
grido,
impreco,
parole che rimbalzano contro il muro di gomma
prendono forza e a me ritornano colpendomi,
allora vorrei piangere,
sentire quel dolore
che risucchia ogni forza,
portando alla disperazione
vorrei sentire il rumore e l'eco delle voci
che frastuonino nella mia testa
invadano il cuore maciullandolo
vorrei abbandonarmi tra braccia che mi consolino
sentirne il calore come fuoco che riscaldi e ristori
la sete di tranquillità che già mi tortura...

Invece si è richiusa sola e sostenuta
non mi sente non mi vuole
prende tutte le situazioni fredda impassibile
non cede, neppure una lacrima una parvenza di dolore
raccoglie sulle spalle di roccia vestite
tutti i pesi senza fiatare,
schiava dei suoi doveri
sorda e cieca,
poche parole essenziali
calme quasi disarmanti,
consolanti,
sminuenti,
tranquillizzanti,
materne,
protettive.
...
Apri lasciami piangere
Apri e fammi gridare!
Apri e fammi sentire!
Fammi fluire le lacrime
lascia uscire ogni mio dolore
lascia cadere ogni roccia di questo muro
lasciami entrare
fatti abbracciare e piangeremo insieme
ogni lacrima che ci fa male.

 

1
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • jessica il 04/06/2012 19:08
    carina ma un po' pesante
  • Anonimo il 04/06/2012 18:10
    Rintanarsi in se stessi a volte appare l'unica via terapeutica al dolore del vivere fuori. La partecipazione emotiva comporta sempre una condivisione, nel bene e nel male. Didendersi dalla brutture che la vita propina diventa quasi un obbligo, forse per schiacciare e allontanare sofferenza e godere di quella poca tranquillità che riusciamo ancora a cogliere in noi stessi.
    Ciao
    Aurelio
  • Grazia Denaro il 04/06/2012 17:04
    Una corazza a prova di bomba la tua, che non lascia trapelare nè uscire niente di tutto ciò che è tumulto dell'anima, e ciò non fa bene, bisogna sfogarsi, vivere la vita nel bene e nel male per sentirsi veramente bene, veramente sè stessi. Apprezzata Lirica!

3 commenti:

  • Anonimo il 11/07/2012 22:13
    lirica possente, carica d'autobiografia, suppongo, che fa apparire una immagine forte e veritiera dell'autrice. brava.
  • Anonimo il 11/07/2012 22:10
    splendida lirica introspettiva, carica di interiorità. ecccwellente. ciao. alarico
  • Anonimo il 04/06/2012 16:57
    Bellissimo sfogo. Una corazza che protegge ma che nello stesso tempo diventa un impedimento a far entrare le emozioni.
    Una protezione che costa cara perché ci isola dal contesto in cui viviamo e quindi non viviamo. Ma vivere non vuol dire non vivere!
    Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0