PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Preghiera

Signore,
stammi sempre vicino,
ti prego
non lasciar mai
queste mie mani;
quel bimbo
ch'ero,
lo sono ancora;
lo maestrale
spazzato via
la gioventù mia
ha,
ma dentro
fragile son ancora io;
come chillu guajunciellu,
ca e cerase belle
de sto mese
coglieva
e cu avidità
'mocca se e metteva.

 

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 04/06/2012 20:57
    Una preghiera... marcata da la Tua sensibilità e amore per la vita...
    BUONA SERATA DON...

4 commenti:

  • Ellebi il 04/06/2012 23:51
    Sinceramente mi è piaciuta la prima parte, poi con il cambio di linguaggio ne ho perso il senso. Comunque non importa, di preghiera si tratta e tanto basta. Saluti
  • Anonimo il 04/06/2012 21:18
    una preghiera che sgorga dal cuore molto bella... sicuramente sarà ascoltata bravo Don...
  • loretta margherita citarei il 04/06/2012 20:39
    molto dolce e profonda, bravo
  • Bruno Briasco il 04/06/2012 20:13
    Un caro abbraccio Don... e complimenti per la poesia così particolarmente sentita.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0