accedi   |   crea nuovo account

Altri tempi

Tenimmec'accussì,
man'dint'e man,
comm'e tant'ann fa.
O desiderio,
scritt dint'a ll'uocchie,
e a voglia e ce arrubbà nù vas;
saziat,
arret'a n'angolo e mur
o sott'a n'albero
annascus.

Quann'a vot
ce simm fermat n'tiempo,
quanne
nun capevme cchiù niente
ie core jevano a viento.
Marì,
che belli tiemp!

Che ffà,
nun m'ha vuò dà?
Te miette scuorn
e cammenà accussì?
Pienz ca simme viecch
pe stì cose?
Ca passià
man'pe man
è antiquat?

Mikè,
e guagliuni se mettono a ridere!

A ridere?

S'avessero mettere a chiagnere.
Che nè sann Llor?
Oggi fanno sesso,
nun sann nient'e ll'ammore.

 

6
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • denny red. il 05/06/2012 18:24
    Bella! Ezio, e si.. oggi..
    nun san nient'e ll'ammore.
    Bravo! scritta magistralmente.

  • Anonimo il 05/06/2012 13:54
    Mai si è vecchi per andare man'pe man e poi se c'è sentimento non esiste scuorn... Sempre estremamente piacevole!
  • Anonimo il 05/06/2012 13:13
    Hai proprio ragione, la chiusa racchiude il senso di tutto. Poesia bella, piacevole e veritiera, complimenti!
  • - Giama - il 05/06/2012 13:09
    molto bravo Ezio, poesia che trovo delicata e piacevole per contenuto e forma.
    complimenti!

    ciao ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0