username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Bocciuol di rosa

Bocciuol di rosa color rosso vino,
porge la timida tremula mano.
Dubbi nel cuore e incerto destino
tradisce il gesto d'amore vano.

Amor perduto, ricordo lontano,
rotto dal peso dei nostri anni,
da mille errori, mestizie, inganni.
Or dove sei? Ti cerco invano.

Corre la vita tra onesti affanni
(il giogo, al bue, nol concede noia)
le membra or prostri ai precoci danni
ma ancora aneli, sprazzi di gioia.

Lesto il ricordo nel tempo scava,
quando il tuo cuore pulsava a morte,
nel desiderio di stringer forte,
il dolce amor, che sol te bramava.

Gli occhi socchiudi e tratteggi i visi,
senti l'afrore del desiderio,
sboccia l'immagine di quei sorrisi...
Ma poi ti scuoti e diventi serio,

dischiudi i sensi ad una luce nuova,
la nostalgia si dissolve lenta,
mentre una voce gentile è intenta
a dir che il gesto galante trova.

Allor comprendi che nulla torna!
Volgi lo sguardo nel suo bel viso,
porgi la rosa di rosso adorna
e le rispondi con un sorriso.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 24/03/2010 15:01
    Complimenti, buona e bella poesia! Mi piace!
  • Salvatore Ferranti il 19/10/2009 11:55
    elegante ed intensa. grazie
  • Anonimo il 17/04/2009 18:57
    da brividi, una poesia magnifica, complimenti.
  • sara rota il 21/08/2007 10:04
    Romantica in modo tenero, nostalgica per chi la legge velocemente, ma soprattutto tanto ricca di sentimento. 8
  • A. Barbara Di Stefano il 03/07/2007 23:20
    scrivi ancora, ti prego... il tuo stile mi piace moltissimo, Carlo.
  • MICHELA C. il 30/06/2007 11:20
    elegante la struttura, piacevole, scorrevole, dall'antico sapore. Bravissimo e compl. (10)----michela ti augura di continuare così.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0