accedi   |   crea nuovo account

Il sole stà male

Alla fine di un vecchio giorno,
il nuovo giorno ancora ritardava.
E un paio di notti si sostituirono,
al nuovo giorno e all'indomani ancora.

Accadde a un uomo, che per un momento,
non sentì più amore.
Ma ecco di nuovo l'occàso, di nuovo il sole.

Ma mi dici dove sei stato?
Son ventiquattrore di ritardo,
oggi non hai scuse eh?

Devi lavorare, lavorare! Hai capito?
Fannullone! Così gli disse rincuorato
ma in preda all'ira, frutto della sua paura,
l'uomo.

Naturalmente nessuna risposta, anzi
una calura troppo forte. Che il sole si sà
stà male, ma continua finchè ce la fa.

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/06/2012 22:42
    A volte mi sembri così avanti.. mischi le tue carte abilmente e trasporti il lettore, dove vuole lui, dove gli è consentito..

4 commenti:

  • Anna Raccardi il 07/06/2012 21:16
    RAFFAELE e molta veritiera, infatti il sole è malato ma ce la fa apprezzatissima complimenti
  • Anonimo il 06/06/2012 20:08
    La nostra fonte di vita è la luce e il calore. Sì, il sole sta male e noi ignoriamo la sua agonia. Non possiamo fare nulla e nel nulla precipiteremo...
  • loretta margherita citarei il 06/06/2012 19:34
    molto originale apprezzatissima
  • alessandra moschella il 06/06/2012 19:02
    Un po' come noi... ma lui chi lo rincuora?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0