accedi   |   crea nuovo account

O riccu ricchizza

Ora simu tutti in toga
chi vulimu giuricari
Supra i ll'opira i chidd'atri,
chiddù chi ndi pari megghiu

ed allura ognunu sfoga
quantu è semprici parrari
si tramanda i patri in patri
non si riva anveci o quagghiu

A destrra nci ietta a curpa alla sinistrra
Ed è all'inversu pu schieramentu oppostu
A nui ndi rurunu dda solita minestrra
Mentri si mbrischiunu tra iddi e fannu incestu


Non mi ricordu o ricordu cu duluri
Nci fu nu tali chi un tali iornu rissi
L'italia ccà si faci o ccà si mori
E criru propriu era unu chi capissi

Anbeci ora parimu riturnati
E tempi ri na vota, ri borboni
E comu a tandu vinimu tartassati
Parimu propriu un populu i cugghiuni

Pirciò pi cui non riva a fini misi
Non sacciu s'esti a megghiu soluzioni
Ncesti n'anticu pruverbiu calabrisi
Privu i giurizii e sicuru r'opinioni

o riccu, caru meu, tanta ricchizza
o poviru anveci un ruppu i pizza

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/08/2013 11:47
    Molto apprezzata... complimenti...
  • Rocco Michele LETTINI il 06/06/2012 19:30
    O RICCU RICCHIZZA... E LU POVIRU LANGUIZZA...
    SUBLIME VERSEGGIO E SENNATA RIFLESSIONE...
    BRAVO ANDREA

2 commenti:

  • andrea il 07/06/2012 17:01
    grazie per i piacevoli commenti, saluto rocco e franco
  • Anonimo il 07/06/2012 09:49
    Bravo Andrea, io sono di Verona ma ho compreso lo stesso. ***** Franco.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0