username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Col pianto dentro agli occhi

REALTA'e FOLLIA:
son le due dimensioni
che mettono tra noi
SEPARAZIONE.
Restarmene da sola allora amore,
è tutto ciò che oggi posso fare!
Chè tu di me
non senti alcun bisogno.
C'è la follia,
che sola ti consola!
Grande fatica ho speso ad accettarlo,
col miscelare il pianto ed il dolore,
ad incarnarli in lucida amarezza
e lungo il tempo di consapevolezza!

 

4
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 08/06/2012 19:37
    Si leggono indubbiamente tracce di sofferenza, forse anche fresca, in questo componimento. Ma io sono sempre stato convinto di un fatto: quand'anche un amore ci lasci soli, in realtà non è mai solitudine vera perchè un amore finito è null'altro che la tappa verso un amore più grande; l'amore ha le sue dinamiche che si manifestano in modo differente per ognuno di noi; e se rispettiamo quelle dinamiche, voglio dire, se le accettiamo con cuore sincero, l'amore non saprà deluderci. Cordialità e complimenti.

6 commenti:

  • Anonimo il 09/06/2012 22:11
    Mi hai fatto pensare che... per ogni separazione ognuno può mettere accanto due dimensioni a fondamento e le mie sono state REALTà ed EGOISMO. Bei versi che portano a riflettere anche sul proprio trascorso e sulle proprie sofferenze.
  • Gianni Spadavecchia il 09/06/2012 17:31
    Bellissimo titolo.. Differenza tra REALTA' e FOLLIA.. Colossale!
  • Anonimo il 09/06/2012 16:49
    Due elementi che fanno parte della nostra realtà. L'intensità della sofferenza nel prendere consapevolezza e nell'accettare la situazione è sì momento di sofferenza, ma anche di crescita perché senza di essa rimarremmo sempre uguali.
    Complimenti Anna!
  • Anonimo il 09/06/2012 00:10
    Solo attraverso la consapevolezza si guarisce da questo male. ***** Franco
  • Francesco Andrea Maiello il 08/06/2012 20:45
    Per fortuna ci rimane la scrittura a consolarci! Ciao Anna
  • Francesca La Torre il 08/06/2012 18:35