PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Me ne infischio

Mi capita la mattina quando mi sveglio
di non guardare mai con quale piede
inizio la giornata che m'imbatte...

Arrivo in cucina ed ho finito il caffè
apro la dispensa
è finito pure il the
di latte ne ho tre buste
ma non lo digerisco
allora sai che faccio
me ne infischio.

Mi metto in macchina e faccio la Daytona
perenne ritardataria di tre quarti d'ora
e inizio a lavorare molto contenta
aspetto che qualcuno varchi la porta
e mi dica: -Salve le vorrei ordinare...-
arriva il postino
ci sono le bollette da pagare.

E poi continua tutta la mia giornata
tra questo e quello scazzo quotidiano
ma sazio non ne avrai è tutto vano
sorrido e dico:
-bene sfotti ancora-
che tanto più giù di così non posso andare:
-cazzo ho preso na buca mi posso sotterrare!-

Ed è con ironia e consapevolezza
che se un sorriso nego a me stessa
non ne avrò un altro regalato.

Allora me ne infischio
rido e scherzo
anche se ho il fegato bucato.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 13/10/2013 14:04
    Principio di muffin quando qualcoca va male il resto lo segue molto ironica da sperarere che non sia così tutte le mattine
  • Antonio Garganese il 25/08/2012 20:58
    Se ti succedono tutti questi contrattempi tanto vale non dargli importanza e sorriderci su. Ironica tu sì, si imparerà.
    Ciao.

10 commenti:

  • mauri huis il 13/06/2012 06:06
    Bene così. La sindrome da Paperino è molto comune. Ne so qualcosa anch'io. Sopportarla con dignità è già più raro. Sbaraquak quak quak! Ehm, scusa volevo dire brava e a presto!
  • stella luce il 09/06/2012 09:56
    cavoli sono così tutte le tue mattine???? in ogni caso il titolo dice già tutto... chi se ne frega... certo ad esserne capaci, e a non farsi rovinare il fegato...
  • Gianni Spadavecchia il 09/06/2012 08:37
    Infischiarsene e, se si può, prender tutto un po' più alla leggera.
  • senzamaninbicicletta il 09/06/2012 08:12
    brava teresa condivido il tuo punto di vista in attesa della fine del mondo.
  • Anonimo il 09/06/2012 00:01
    Consigli in chiave ironica su come infischiarsene di una giornata qualunque. Molto bella, molto vera e molto piaciuta. ***** Franco
  • Anonimo il 08/06/2012 22:26
    Bisogna vivere con un po' di leggerezza, ma attenta a non accumulare troppo! A volte anche un bel "vaffa" funziona.
  • Ellebi il 08/06/2012 21:39
    Mi pare una maniera molto originale e positiva di prendere la vita. Bella e scintillante poesia. Saluti.
  • karen tognini il 08/06/2012 21:36
    Tere' fai bene a infischiartene altimenti ti viene pure l'ulcera... Meglio dare un calcio ai problemi... cercando di sorriderci su...
    brava la mi Tere'!!!
  • Anonimo il 08/06/2012 20:09
    Bravissima Teresa, un pensiero che condivido appieno. Prima d'ironizzare sugli altri, bisogna saper fare ironia su se stessi e magari saper interpretare la vita in maniera meno tetra e seriosa.
    Certo, magari la gente dirà che sei uno stupido, uno senza pensieri, ma che ci frega... la gente non capisce un cazzo perché si ferma solo alle apparenze... ma questo ti dà ancor più soddisfazione!
  • Anonimo il 08/06/2012 19:45
    Bella e spiritosa... così va presa la vita, potendo... come nei versi finali... ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0