username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Servi del potere

Da che parte sta
la ragione dei potenti?
Non ci si illuda
che sia dato o che sia permesso
giocare ai giustizieri
e loro vederli vestire abiti
di pietra sacrificale.
Qui si parla di guerra di morte!
E del sottil passo
tra democrazia e oscurantismo
che in fondo
sono il dritto e il rovescio
della stessa medaglia.
Non si scherza,
ognuno svolga il proprio ruolo,
senza parlare.
Chi ha più sangue freddo,
sopravviverà.
Ma non si facciano proclami,
chi ha da pagare
paghi,
chi non ne ha,
muoia,
ma lo faccia in silenzio!
Senza alzare polvere,
senza muovere vento.
Non si parli di giustizia,
e non si canti di libertà,
di democrazia.
Esse stanno da tutt' altra parte.
Qui si finge per tutto...
si finge di vivere e morire,
si finge di essere liberi,
si finge persino
di essere in regime di democrazia.
Tutto è offuscato,
guidato,
in modo freddo e misurato,
o smisurato...
Ognuno partecipa allo scempio di un omicidio,
ogni suicidio è il parto di un malessere universale,
nel quale l'uomo si sente inutile, perso, inferiore.
Lontani da me,
voi altri avvolti in inutili bandiere,
a gioire per la finta liberazione da un padrone
per poi essere soggiogati di nuovo,
da altro mistificatore o procacciatore di libertà.
In fondo vi dicono di essere diversi,
di essere il nuovo che avanza.
Ma sono figli della stessa carne,

12

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Alfredo Di Cola il 12/08/2012 20:20
    Sono assolutamente d'accordo con la tua analisi. Affinché un Paese stia in salute ci vuole uno Stato forte e quindi con poteri forti. I poteri forti in Italia alimentano ahimè l'antistato e quindi indeboliscono il Paese
  • Anonimo il 08/06/2012 21:06
    Una bellissima, altisonante invettiva sul potere. Ma non si illuda ll bravo autore che si possa fare a meno di esso. Esso è necessario come l'aria che si respira: certo è molto pericoloso, almeno quanto la mancanza di esso. Bisogna limitarlo e regolarlo ed è appunto questo il compito della democrazia, la quale neppure in teoria può prescindere dal potere, lo deve avere anzi più forte e autorevole, e così sarà, tanto più saprà dargli le giuste limitazioni e regolazioni di garanzia per la vita dei cittadini. Da ciò dipende la sua legittimazione. Nessuno può dimenticare che gli orrori del 900 sono stati possibili quando le limitazioni del potere delle democrazie sono state abolite da regimi non democratici. Saluti. Ellebi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0