accedi   |   crea nuovo account

Vedo te

Vedo te e vedo un uccello dalle piume dorate
Librarsi giulivo nell'aria con gesto leggiadro,
Vedo te e vedo la montagna incantata
Che incombe sul rosso mare della mia solitudine,
Vedo te e vedo un castello fatato
In cima alla torre dei miei più reconditi pensieri,
Vedo te e vedo il cielo dove una rosea nuvola si scioglie
In una dolce pioggia di rugiada del mattino,
Vedo te e vedo il tuo sorriso
Dissipare la nebbia dei miei perché e dei miei silenzi fatti di parole.
Ecco tu questo sei per me che sono in mezzo alle tempeste dei venti
Nell'impasse di una scelta che non potrà non tenere conto
Delle stelle dei tuoi occhi rivolti versi i miei
E teneramente abbracciati nel loro viaggio insieme
Senza biglietto di ritorno
Come viandanti per l'eternità.

 

3
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 12/06/2012 09:41
    Il primo verso è davvero spettacolare, accompagnato da versi altrettanto apprezzati. Bravo Sergio, piaciuta.
  • Sergio il 10/06/2012 03:38
    Ma grazieee Karen!! Venne dal profondo del mio cuore nel lontano 2006...
  • karen tognini il 09/06/2012 08:15
    Complimenti Sergio...è stupenda!!!.. versi molto romantici... dolcezza infinita

    bravo!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0