accedi   |   crea nuovo account

Come foglie

Mi nascondo nei meandri del cuore,
voglio che nessuno mi veda,
né che nessuno mi senta.
Se fossi cielo sarei viola,
se fossi aria sarei verde,
se fossi vento sarei te!
Ma non sono niente
Di tutto questo viaggiare,
sono un respiro che fugge
dalle bianche parvenze di se.
Mi scuoto e mi sento vibrare,
sono viva? Mi chiedo e
mi rispondono le fronde
di un albero che da secoli
è seduto ad osservare
il mio perpetuo ondeggiare.
Perché siamo attaccati
Alla vita come foglie ai rami
E siamo soli in balia del vento.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Grazia Denaro il 15/06/2012 16:52
    Siamo tutti soli specialmente quando lo siamo con noi stessi, eppure come le foglie degli alberi abbiamo la forza di resistere molto spesso e in molti casi della vita a scossoni violenti, perché come le foglie resistono ai venti, alle piogge, anche noi in caso di tempeste esistenziali, ci districhiamo per rimanere in equilibrio e non cadere. Una bella lirica introspettiva, scritta egregiamente per contenuto e per forma, apprezzata!
  • Anonimo il 13/06/2012 12:04
    Gradevoli e ricercati versi su come siamo in balia degli eventi. Complimenti
  • Anonimo il 12/06/2012 11:09
    è veramente bella questa tua poesia, perchè viva e vibrante... mi ci sono riconosciuto molto, in più di un passaggio!
  • Anonimo il 11/06/2012 16:00
    ... sono un respiro che fugge, ecco in queste parole mi ci ritrovo parecchio... poesia molto avvolgente e sensibile, romantica... brava
  • viktor il 11/06/2012 11:17
    Io commento poco, un po' per pigrizia un po' perché difficilmente trovo poesie che mi trasmettano veramente qualcosa. Ho letto tutte le tue poesie, Tylith, e ammetto, senza remore, che tu sei la mia preferita. Le tue poesie trasmettono sempre emozioni, e lo fanno con un linguaggio diverso, nuovo e originale. Con uno stile che riunisce molti grandi poeti, creandone un personale compendio. Si sente che hai letto molto, ma soprattutto si sente che che quello che hai letto ti è rimasto dentro e ora è una parte di te. Tu non scrivi per fare effetto, tu scrivi per regalare emozioni. Questa poesia è senza ombra di dubbio la più bella di tutte quelle che ho letto. Un po' Ungaretti, un po' d'Annunzio e un po' Rimbaud. È una poesia che parla di te. Che parla di una donna in balia delle sue emozioni. Dalle quali un po' fugge e un po' ci si culla. Immobile. Una donna, distesa, apparentemente tranquilla, ma dentro uno tsunami di emozioni che ti travolgono. E leggendole le provo anche io. È questa la tua abilità, Tylith. Tu scrivi di emozioni tue e ce le fai sentire nostre, come se fossero nostre, come se venissero da dentro di noi. Leggendo questa poesia mi sono sentito anche io seduto ai piedi di quell'albero e i suoi rami mi parlavano. Mi parlavano di me. Mi parlavano di poesia. Una poesia può non dire nula ma può dire tanto. E con questa credo che ti sia superata. Complimenti, Tylith. E con profonda ammirazione e stima mi alzo in piedi, davanti a questa scrivani e applaudo a una delle più bei componimenti che io abbia mai letto.

24 commenti:

  • tylith il 25/06/2012 16:27
    Mario, la tua visione così ottimista e piena di luce, come l'arcobaleno dopo un temporale, mi è piaciuta molto! Ho capito molto bene anche la tua interpretazione in cui l'albero, formato da tante parti che possono essere scisse, diventa maestoso solo se esse rimangono unite. Così non siamo più soli! Grazie per il tuo attento passaggio!
  • mario durante il 22/06/2012 00:15
    Bellissima.
    Ma non siamo soli.
    Ci sentiamo soli, forse.
    Non tutti però.
    Si potrebbe intuire che il vento fa "vivere" il "complesso" albero, altrimenti ai nostri soli occhi immobile ed ai soli occhi "diviso" in tronco, rami, foglie, ma Lui è un tutt'Uno come tutti noi a godere del vento.

    Come vedi al tuo sublime vi è altra visione. Come l'arcobaleno nel temporale.

    Salutoni, Mario.
  • tylith il 19/06/2012 16:45
    Grazie Luke che piacere rileggerti da me! un abbraccio!
  • Luke83 il 19/06/2012 15:44
    Brava Ty... questa è davvero... Spettacolare!!!
  • alberto accorsi il 14/06/2012 16:56
    Simpatica l'idea dell'albero seduto da secoli ad osservare l'ondeggiare dell'autrice che da secoli appunto ondeggia.
  • tylith il 13/06/2012 14:53
    Ringrazio Denise per il suo veloce passaggio, Gianni per avere toccato il velo di tristezza che alberga un po' in questi versi, Vincenzo il cui passare fermandosi mi onora, Carla della quale apprezzo ogni pensiero e Nico per la sua verace genuinità!
  • Anonimo il 13/06/2012 12:12
    come foglie attaccati ad un ramo... aspettando che il vento a suo piacimento ci faccia ondeggiare... bella metafora... complimenti ben stilata la lirica...
  • Vincenzo Capitanucci il 13/06/2012 11:44
    Foglie di un albero di vita...

    Bellissima Tylith...
  • Gianni Spadavecchia il 13/06/2012 08:46
    Attaccate ai rami come foglie, in balia del vento. Mai sole però le foglie che han la forza di resistere alle pioggie, ai raggi di sole. Vorresti nasconderti e, improvvisamente, diventare per tutti invisibile. Un desiderio il tuo, poco realizzabile ma pieno di tristezza.. Piaciuta molto la tua poesia.
  • denise il 12/06/2012 18:28
    bella bella complimenti
  • tylith il 12/06/2012 14:15
    Un grazie a due carissimi amici Don Pompeo lo Magno, e il Frivolo più interessante del sito!!!! Un bacione
  • Don Pompeo Mongiello il 12/06/2012 11:07
    Un serto floreale giugnino lo Magno sul tuo capo pone per questa tua bellissima!
  • tylith il 12/06/2012 10:05
    È sempre emozionante leggere i Vostri pensieri, leggere quello che le mie parole riescono a comunicarvi. Ringrazio Alexandre il cui passaggio mi onora sempre così come quello di Vilma che si ferma solo quando si emoziona e poi Denny le cui considerazioni mi lasciano sempre senza parole, un grazie sincero!
  • denny red. il 12/06/2012 06:26
    Mi nascondo..
    Se fossi.. ma..
    Sono un respiro che fugge
    .. in balia del vento.
    tvlith, è molto bella!!! poi la frase.. Sono un respiro che fugge, è Splendida! hai scritt un Capolavoro! Brava Brava!!
  • Vilma il 11/06/2012 18:24
    molto significativa e bella... complimenti
  • tylith il 11/06/2012 15:58
    Grazie Loretta per i tuoi sinceri complimenti, e grazie a Vincenzo per l'armonia e il movimento che ha ritrovato qui in queste parole e nei quadri delle mie "stanze".
  • loretta margherita citarei il 11/06/2012 15:26
    mi complimento veramente bella
  • vincent corbo il 11/06/2012 14:49
    In questa poesia ci vedo i colori delle tue stanze (a proposito ci ho dato un'occhiata), il movimento, l'armonia.
  • Anonimo il 11/06/2012 12:58
    Ringrazio ancora Viktor di cui apprezzo anche l'ironia, ringrazio Augusta per il suo passaggio e Nicola per il suo commento e concordo con quanto detto.
  • Nicola Lo Conte il 11/06/2012 11:49
    "Perché siamo attaccati
    Alla vita come foglie ai rami
    E siamo soli in balia del vento."
    Bellissime le tue immagini, tuttavia, noi siamo anche l'albero e il vento, con e senza tempo, con e senza spazio, scintille di luce nell'universo.
    Complimenti
  • viktor il 11/06/2012 11:40
    non credo che quello che andrai a scrivere in futuro sarà insignificante, anzi. È vero, sono molti i poeti che scrivono cose stupende su questo sito. È per quello che lo amo. Ma è difficile commentare senza ripetersi. Ed è per quello che commento poco, odio la banalità, odio ripetermi. Ma questa poesia non potevo non commentarla. È veramente bella. Lo dico col cuore. Sarà, anzi, per me difficile ora scrivere, di fronte a esempi del genere. Impossibile competere. Un giorno un allenatore di calcio ha detto: "I campioni giocano al calcio, i mediocri fanno gli allenatori, gli incapaci fanno i giornalisti". E non ci crederai ma io sono un giornalista
  • augusta il 11/06/2012 11:38
    carissima tylith... che dirti... condivido tutto la recensione di viktor... sono un respiro che fugge... bellissima... 1 beso...
  • tylith il 11/06/2012 11:33
    Che dire Viktor, hai scritto delle cose talmente belle che quasi mi vergogno! A parte gli scherzi dire che sono lunsingata per quanto mi hai espresso è dire davvero davvero poco, e qualunque cosa io vada ora a scrivere sarebbe davvero insignificante. Sul sito però innumerevoli sono i Poeti che raccontano ed esprimono i moti della loro anima molto molto bene! Mi prendo il tuo plauso così sincero e ti auguro una buona giornata!
  • viktor il 11/06/2012 11:27
    Alla fine ho fatto ho litigato un pelino con l'italiano e non me ne sono accorto, mi scuso

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0