PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Voluttà

Nulla v'è che non ritorni.
Nel cuor il seme sempre germoglia,
per algida paura o per l'amor suo opposto.

Nulla v'è che nulla ritorni.
Nello scuro pozzo dell'Alma umana,
germinano i vermi di ciò che non perdoni.

Nessuno dimora più il pozzo avverso alla Morte,  
così appassisce il cuore all'ultimo rintocco.
Nulla v'è che nulla ritorni, senza controparte.

Mai il ginocchio cadde al cospetto della Croce
lo spirto a umil figlio non si volle convertire
così solo rimase a rimirar della Fede la sua vece.
Perdona o Dio questo livore
che sale a Te umido dal cuore

Nulla è che nulla rimane - così strega la Morte il Cuore
Piegati o ginocchio e al Suo cospetto nasca Amore!

 

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 20/08/2015 09:02
    apprezzata... complimenti.

0 commenti: