PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Amando

I

Non è un letto questo
con la quale rovino
i penosi tormenti,
è un campo di battaglia
con la quale sfido le tue
parole che feriscono il
latente giovanile corpo,
sudo piangendo!
Ogni giorno sarà un mese,
sette giorni sette!

Raggiungerei mondi
inesistenti superando
fisiche barriere,
manderei all'inferno
- purché esistano -
tutti i fradici moralisti

II

Il tempo è il peggiore
amico che si possa
avere, la notte dei
miracoli non vuol
rendersi infinita!

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 13/06/2012 14:57
    Una chiusa coniata... di vero...
    BRAVO SALVATORE... CIAO

1 commenti:

  • Massimiliano Caldarone il 21/06/2012 16:38
    il piacere è spesso sinonimo di colpa, del resto è un invenzione religiosa, fonte dei paradossi.
    Bravo magari non c'ho capito un C... ma BRAVO!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0