PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Candida Venere

Oh! Venere, candida e diletta essenza di me,
i tuoi lisci capelli come tulle di seta mostrano
la natura nella sua più intima esistenza che il solo
sguardo mi fa sembrare del tutto insolito e afasico,
a tal punto che solo i miei occhi esprimono con la sola
lingua silente del pensiero quella bellezza, tanto
quanto resa grazia dal suo unico nome che fa eco
alla sola voce, amore.

I tuoi occhi come specchi d'acqua riflettono i miei
desideri che come stelle nel cielo incantano
chiunque li osservi, ed io da semplice
viandante scruto e ammiro tale bellezza
che tramuta il mio corpo in pietra, e solo
il tuo diletto bacio potrà spezzare codesto
incantesimo che tanto mi impedisce di agire,
e tanto meno di echeggiare nelle tue orecchie,
la sola parola: amore.

Il tuo dolce sorriso è per me la mia speranza,
la sola ed unica forza di ogni giorno,
quella mezza luna mi riempie di gioia anche
nei momenti più tristi; mi basta scorgere
la tua felicità per far si, che
anche una parte di me possa essere
radiosa e faccia nascere nel mio cuore
una luna tanto piena e ricca d'amore.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 11/02/2008 13:43
    Sublime... mi canta il cuore, l'anima e il corpo, leggendola... meravigliosa Afrodite... nata dalla schiuma del mare.. ed io scruto la tua bellezza... e solo il tuo bacio potrà rendermi vivo... un sole pieno e ricco d'amore...
    Bravissimo Eduardo... la luna riflette solo la luce del sole... e sei vicinissimo a questo sole
    Un abbraccio
    Vincenzo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0