PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Manu cu manu

M'assittai
doppu tantu tempu!

Manu cu manu
pedi cu pedi

Sciavuru di sciuri di lavanna
cu mè niputi
fari finta di scippalla;
chi beddu jocu
chi beddu tempu;
lu tempu di lu jocu mi riturnau.
La niputedda mea surriseddu d'angilu
è forza scatinata
chi nun si ferma
ci vaju appressu cu li jocu
ma quannu mi stancu mi fermu
e mi mettu di latu.
Torno a giocare
dopo tanto tempo...

Manu cu manu
pedi cu li pedi

Odore di lavanda
per l'aria si spande
le piccole mani si tendono
per strappare lo spigo...

Manu cu manu
pedi cu pedi

Che bel gioco ho imparato oggi!
La maturità
la mia età felice...

Manu cu manu
pedi cu pedi

La mè niputedda mi seduce
mi ammalia e mi stanca
mi fa tornare la felicità
degli anni più belli.

 

3
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Grazia Denaro il 18/06/2012 21:46
    Mi piaciu propriu sta puisia e tu ca ti trastulli cu li to' niputeddi. Complimenti vivissimi maestru e baciamu li mani.
  • Anonimo il 14/06/2012 18:12
    Il siciliano è una lingua "fiorita" piena di assonanze che esprimono la tristezza, l'allegria, l'amore, la nostalgia, la passione, la sofferenza del nostro popolo. Studiando l'etimologia della parole si può notare l'influenza che le varie dominazioni greche, romane, arabe, normanne, angioine, spagnole ecc. hanno avuto sul nostro dialetto. Quando sono sopraffatta dall'emozione riesco a descriverla solo in siciliano. ciao
  • Rocco Michele LETTINI il 14/06/2012 14:52
    Il Tuo piccolo grande tesoro... Ti dona "tratturo" antico... ed ecco... ancora il Tuo allegro...
    Nostalgia... servita!
    STUMENDO VERNACOLO RIMEMBRANTE... BRAVO SALVO... CIAO

5 commenti:

  • salvatore maurici il 15/06/2012 20:13
    Quando sono sopraffatta dall'emozione riesco a descriverla solo in siciliano. Cara Vincenza ('Nzina, Vicinzina. Enza...) è la stessa cosa che capita a me. Di botto una poesia la scrivo in siciliano; non c'è nulla da cambiare! Quando mi chiedono di tradurla in italiano è un problema; Junci, scusi, scancelli e chiassai la tocchi chiassai aumentanu li bozzi.
  • salvatore maurici il 14/06/2012 17:51
    Il siciliano è una lingua strutturata, armonica, ci si può esprimere in maniera compiuta, ricca com'è di parole. È molto più ricca della lingua nazionale che è di fatto una lingua morta, una lingua ufficiale che adesso cede il passo agli inglesismi. Il siciliano è la mia Lingua, penso in siciliano e come vedete nella traduzione si perde molta della vivacità con coi mi esprimo nella prima parte. Ad ogni modo grazie per tanto entusiasmo ed apprezzamento. Davvero commosso.
  • alessandra moschella il 14/06/2012 14:14
    Quanto e' bello ed espressivo questo nostro dialetto dalle tante sfumature che poi tu utilizzi per esternare sentimenti così veri... mi piace!
  • Anonimo il 14/06/2012 13:33
    Chi bedda ca jè sta puisia. U jocu ci fa turnari picciriddi e senza pinzeri. ciau cumparuzzu
  • Anonimo il 14/06/2012 13:32
    sciuri di lavanna sono anche questi versi tuoi... sanno di sentimenti puliti, sereni, essenziali... sei tu a continuare a giocare a e vivere con la tua nipotina. Bedda bedda è!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0