PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Superbia

dei tuoi mille ammiratori
invidio della pazienza il pregio

ti sai donare - si -
ma solo da lontano
lasciando la sete
all'assetato e fame
a chi vorrebbe mordere
la tua Carne

e ti fai sfiorare da carezze
che restano represse proposte
sulle tue cosce coperte
attillate da un jeans

e del tuo corpo
l'audace gioco
fai appena intravedere

tu che t'ostini in tale affronto
avrai dal tempo
forse ragione o forse torto
ma ricorda
di non essere immortale

 

3
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 14/06/2012 15:14
    Decanto meraviglioso... anche se odio terribilmente... questo peccar...
    CIAO...

5 commenti:

  • Marcelllo Barbuscio il 06/11/2015 17:42
    Tirarsela per troppo tempo... può riservare una brutta sorpresa dal tempo. Incisiva e chiarissima stesura... con un pizzico di amarezza, per chi guarda. Piaciuta
  • stella luce il 19/06/2012 10:52
    la superbia nell'amore... interessante... bravo
  • Teresa Tripodi il 15/06/2012 00:22
    nulla è eterno... eppure la superbia questo non lo recepisce... tra i 7vizi capitali è quello che riconoscendosi tale ne trae da se stesso un vanto e un voler sapere e coordinare pretendendo di essere risposta al tutto... un tutto che esiste solo per il suo peccato che non riconosce ma che ritiene essere norma... il piú dufficile da debellare.
  • Anonimo il 14/06/2012 16:01
    molto bella e ben scritta la visione di questo peccato capitale... bella la metafora... la Superbia intrigante, ma scostante, provocatrice troppo sicura di sé... bellissimo, ma anche glialtri, l'ultimo verso... sempre bravo Mani...
  • tylith il 14/06/2012 15:16
    Un viaggio tra i sette peccati capitali, l'avarizia vista come una donna che si offre al Signore ma non al mondo, la superbia vista come una donna che provoca ma rimane "fasciata" nei suoi jeans aderenti provocando e pensando superbamente di essere lei l'unica al mondo. Un saluto mentre continua il tuo vagare nel proibito!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0