accedi   |   crea nuovo account

... primi squilli di sessualità

... e poi
la Luna,
intrusa nella stanza,
vestì di argento
le ombre alla parete,
ombre fluttuanti,
ombre di amanti;
due corpi fusi
nel fuoco di passione.

L'incanto,
poi svanì.

L'alba rapì le ombre,
rubò l'argento,
nascose anche la Luna.

Nel nido di una notte
felicità distorta,
adolescenze sacrificate,
bruciate,
gettate
al primo prurito.

Su lenzuola rattrappite,
solo cenere
e aloni
di verginità.

 

3
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • vincent corbo il 14/06/2012 15:51
    Possiede sensualità e movimento. Una poesia di luci e ombre.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0