PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fino ad ora

Guardati solerte dinanzi allo svenire della primavera,
pensa quanto sia dura sopravvivere nella trappola di un bocciolo
pronto a nascere ai primi albori.
Se ti volti ed inizi a riprendere i passi alterni del gioco dei grilli,
hai di che solleticare il cuore venendo a meno la tua insolita fragilità.
Insieme uniti nel tenero tintinnio delle risate,
occhi su occhi luccicanti come gemme nel deserto,
sfavillano e farebbero morir di gelosia persino
l'anticipata luna che ci guarda da lassù.
Non posso insistere le stelle a raggiungerci,
vestite d'argento, inzuppate nel colore
che sublima al bianco zinco, quasi un bagliore
freddo e subito dopo un brivido.
Poi cosa sarà vissuto è solo un quesito
a cui non daremo mai una risposta sincera,
vorrei crederti che rivedremo le nostre ingombranti orme
ancora su questo tappeto di viole,
ma poi mi accorgerò di averti fatto germogliare nei miei sogni
per ripoterti abbracciare ad ogni volere, in ogni istante.
Bastasse l'acqua di un oceano
per rinfrescare le mie inquietudini, al momento
tirerei un sospiro di sollievo prendendoti le dita,
appoggiandole sugli occhi,
strizzando via l'angoscia di non provare nulla, fino ad ora.

 

2
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • LacrimaSottile il 15/06/2012 12:57
    Ti ringrazio loretta, sei molto gentile. buona giornata
  • loretta margherita citarei il 15/06/2012 06:46
    bella poesia in prosa molto apprezzata ben venuta
  • Teresa Tripodi il 14/06/2012 23:29
    perdonami... e benvenuta tra noi... è un piacere
  • LacrimaSottile il 14/06/2012 23:28
    ti ringrazio Teresa, comunque sono una lei. Sono nuovissima e spero vivamente di trovarmi molto bene qui con voi tutti. Leggerete ancora di me.. a presto.
  • Teresa Tripodi il 14/06/2012 23:24
    innanzitutto benvenuto...è un bel leggere un bel narrare... vedo che sei un reggino r la cosa mi fa piacere
    son versi i tui raccontati di dolore che forse implasmabile da voce a questo sentire... marciante se pur sunga nello sviluppo dell'opera abbastanza scorrevole... dolce sotto alcuni aspetti ma colma di amarezza... non ripetitivo per nulla... bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0