username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Un modo semplice per piangere

(A mio padre)
Quei capelli bianchi,
le mille rughe sul tuo viso,
quel tuo volto stanco e affannato,
le mille fatiche fatte in tutti questi anni,
te li porti sulle spalle, come un povero Cristo ferito.
Non ho avuto modo e tempo di conoscere a fondo la tua vita.
E ciò mi rammarica profondamente.
Non ho avuto modo e tempo di starti più vicino.
E ciò mi opprime profondamente.
Le distanze a volte sono eternità.
Sono accumuli di tristezze quotidiane.
Dentro ai quali sei costretto a vivere
e nel vivere a volte si muore di pianto.
Pianto che ferisce l'anima, che uccide il pensiero.
Ciò che penso ora, è a un pezzo di sofferenza.
Un pezzo di vita dove manca la vita.
E con essa, anche il sorriso.
Quel sorriso che mi fa vivere e star bene con tutti.
Cio che manca ora, è lo star con te, al tuo fianco.
Come solitamente un figlio dovrebbe fare.
Mi dico spesso: - Pazienza..., la vita è questa!
Ma la vita a volte non è altro che un modo semplice nel quale
far piangere in silenzio le proprie sofferenze.

 

l'autore Centrone Stefano ha riportato queste note sull'opera

Da "Vivere con il cuore" raccolta 2012 (16/06/2012)


1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Centrone Stefano il 17/06/2012 19:34
    Grazie Loretta.
  • loretta margherita citarei il 17/06/2012 05:15
    a volte accade che si è impossibilitati a prendersi cura di un genitore anziano e questo fa soffrire, molto toccante.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0