PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Strane ma naturali? Tu chiamale se vuoi, evoluzioni

Mi par di conoscerla. Stò seduto,
e lei in piedi. Lei? Ma gli occhi...
Sull'autobus strapieno nell'ora di punta.

Ecco, risponde a uno strano cicaleggio,
lo squillo del suo cellulare. "Ciao Paolo.."
Ma è Maria, cioè Mario, o come diavolo

ora si chiama?. Voce femminea baritonale.
Il mio ex compagno di scuola, o compagna?
A quell'epoca lo ricordo il playboy della classe..

Chissà, forse... playboy, playboy... alla fine...
ha cambiato genere?
Tu chiamale se vuoi, evoluzioni.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0