PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Piccolo omaggio a Pietro Mascagni

Livorno mia adorata,
che la culla mi cospargesti dolce,
del fruscio d'amore
per l'arte di cesellar immortali note;
mi scorgesti
come timida, sempre più diluviale
intenzione di musica,
che cresceva tra i palpiti del sole,
di cui un raggio scelse a me di rivelarsi,
sotto forma di morbida,
infuocata matita,
perchè di vergare mi compiacessi,
sull'immacolato,
immortale spartito del cielo
fraseggi che non si perdessero
tra le fauci di un orizzonte
ribelle ai ricordi.
Odi l'armonico schioccare
di questa ribollente Cavalleria Rusticana,
odi gli amori contrastati e confusi,
Turiddu, Lola, Santuzza, Alfio,
giocare al rincorrersi dei sentimenti,
dove le zagare sorridono
e gli agrumi insegnano
a sentire nella natura
la voce del Dio che non si nasconde.
Laggiù mi trovi, amico,
dove Iris fa scintillare la mia strada,
di creatore indefesso di armonie,
chè la musica è ancella
del bello e del vero,
e fender sa,
come la più amorevole delle lame,
ogni insidia di insulse bugie.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • cristiano comelli il 19/06/2012 17:50
    Grazie signora Loretta, ci pensavo l'altra sera perchè, cantando in un coro lirico-sinfonico, mi era accaduto di interpretare il "Regina coeli" e, come di consueto, di provare un'indescrivibile emozione. Mascagni era davvero un genio, le mie povere parole possono ben poco per celebrarlo ma, come dice lei, era doveroso farlo. Cordialità.
  • loretta margherita citarei il 19/06/2012 05:11
    un grande direttore d'orchestra, mitico personaggio, doverosa dedica, complimenti cristiano

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0