accedi   |   crea nuovo account

Gocce indelebili

Non sono quella che tu credi
non c'è il male nel mio amare
c'è sempre un grande bene,
quel bene che tu più non vedi
perché accecato da un inspiegabile rancore
che vuole ferire questo mio cuore.

Per un anno ti ho aspettato,
pensavo che saresti ritornato,
e avresti così risposto ai miei perché
magari davanti a una tazza di caffè.

E invece niente,
non un minuto mi hai dedicato,
neanche il tempo di una sigaretta
fumata in tutta fretta.

Se cancellare ogni mia traccia
e non guardarmi più in faccia
pensi sia la soluzione
allora cancellami pure
calpesta il mio nome
e con esso ogni nostra emozione.

Ma i nostri ricordi quelli no,
dentro di me li conserverò
e tu cancellarli non potrai

fanno parte di noi
e non se ne andranno mai

la loro forza è infinita...

sono momenti preziosi
gocce indelebili
nell'oceano di questa nostra vita.

 

l'autore viola ha riportato queste note sull'opera

Quando viviamo momenti d'amore, essi restano per sempre nel nostro cuore, al di là di tutto.


4
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Auro Lezzi il 19/06/2012 07:19
    Si legge il tuo dolore.. Ma mai sottomettersi...
  • Rocco Michele LETTINI il 19/06/2012 06:49
    TOCCANTE NEL GELIDO DI UNA LACRIMA...
    UN MIRABILE VERSEGGIO... CIAO VIOLA
  • Salvatore Di Trapani il 19/06/2012 01:04
    Una poesia molto dolorosa, soprattutto struggente. Aspettare a lungo qualcuno invano è brutto, sempre. Ho colto una nota di rancore mista all'amaro in bocca di una storia finita in maniera diversa da come avresti voluto. Mi è molto piaciuta, complimenti.

2 commenti:

  • Anonimo il 03/10/2012 11:47
    D'accordissimo. Ci sono gocce indelebili, che nemmeno il tempo può scalfire. Il passato, bello o brutto che sia fa parte del passato. Riaffiora, volentieri, la nostalgia per le cose belle, forse, qualche rimpianto, ma è la Vita. Poi, si continua, così, sta scritto. Impotenti di fronte al Mistero.
  • denny red. il 19/06/2012 05:23
    Non sono..
    non c'è..
    c'è sempre..
    Per.. Pensavo..
    .. davanti a una tazza di caffè.
    Niente, ma..
    .. Gocce indelibili
    nell'oceano di questa
    nostra vita.
    Ben Scritta Viola, che dire.. Se non ci si siede nemmeno davanti ad una tazza di caffè, Penso che.. lo zucchero.. è meglio che.. che rimanga là.. nella sua busta.
    Brava Viola! Chiara pura Poesia..


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0