accedi   |   crea nuovo account

Vog

Voglio tagliarmi la lingua
e spezzarmi le dita.
Cancellare le parole dette e scritte
che non dicono più niente
che non sia già stato detto e scritto
per secoli, senza alcun costrutto.
Voglio svuotare le librerie e bruciare i documenti,
cancellare le storie di ognuno e la Storia di tutti.

Voglio che l'asteroide colpisca
nel centro geometrico del pianeta
e che il cielo resti oscuro e impenetrabile
per quaranta giorni e quaranta notti.
Voglio che sulla Terra, tornata informe e deserta,
ricoperta dalle tenebre, non vi sia il minimo ricordo
né la minima traccia del mondo d'oggi.
Voglio che il pianeta torni puro e vergine,
come un neonato addormentato
e che al primo raggio di luce che trapassi l'oscurità
si oda un chiaro vagito ed in ciò che resta degli oceani
un protozoo superstite, colpito dal fascio luminoso,
inizi a dividersi e rinasca così la vita.
Voglio che la nuova vita si evolva in soluzioni diverse
da quella a cui siamo arrivati oggi
e che fra cinque miliardi di anni il nuovo io,
i nuovi noi, abbiano qualche gene in meno
dell'aggressività e qualche gene in più della compassione.
Voglio che la loro lingua e le loro mani
dicano e scrivano della bellezza dell'universo
e della grazia degli esseri viventi.
Voglio che leggi non si chiamino leggi,
ma siano dette armonie e siano scritte in versi leggeri.
Voglio...

Poi è suonata la sveglia...

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 20/06/2012 06:42
    Un sincero sfogo... molte volte il Tuo verseggio e di tutti noi...
    Apprezzato... CIAO FABRIZIO

1 commenti:

  • augusta il 13/07/2012 14:20
    la chiusa mi ha lasciato spiazzata... bravo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0