username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Nella notte

Nella notte
il tempo si ferma
per un attimo
e in quell'attimo
sei solo

Con i tuoi perché
con i tuoi percome
con i tuoi forse
con i tuoi ma

Nella notte
il tempo corre
tutto ti sfugge
anche la tua anima

Nella notte
i tuoi errori
danzano davanti
ai tuoi occhi chiusi
ritmando una sentenza

Nella notte
sei solo
con le tue sconfitte

E non si è mai
abbastanza coraggiosi
da essere vigliacchi del tutto

 

6
8 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 19/08/2012 14:05
    La solitudine fisica assoluta non esiste. Nel senso che i passi della persona del piano di sopra testimoniano una presenza. Il rumore della civettta che all'alba comincia a chiacchierare. La solitudine assoluta in senso di dialogo con se stessi nemmeno. Ma Ci sono forze extrasensoriali a noi sconosciute che ascoltano ogni nostro pensiero. Trovo interessante questa tua poesia e ricca di spunti. Ma l'incongruenza nel finale è una pecca. Se si è coraggiosi, non si cerca di esser vigliacchi, la vigliaccheria va vinta.
  • Centrone Stefano il 27/06/2012 23:30
    Nella notte il tempo si ferma.
    Bella questa tua composizione, soprattutto (mi piace molto) gli ultimi versi.
    Sono significativi a tal punto che rendono la poesia unica.
  • Anonimo il 22/06/2012 13:18
    Ottima... sembra quasi una ninna-nanna... la ninna-nanna di chi chi può, nonostante tutto, permettersi sonni tranquilli!
  • Rocco Michele LETTINI il 21/06/2012 07:01
    LA NOTTE? IL MAGISTRATO DELLE NOSTRE COLPE!
    Una meditazione obiettiva... IN MIRABILE VERSEGGIATO
    BRAVO VICTOR... BUONA E SERENA GIORNATA

8 commenti:

  • Luana D'Onghia il 15/09/2012 19:35
    Nella notte tu sei quello che sei, quello che la vita, fino a quel momento, ha voluto che fossi. E non puoi fuggire, non puoi rinnegarti. Bellissima!
  • mario durante il 27/06/2012 23:20
    La notte non è uguale a se stessa per tutti.
    Conosco chi l'agogna per fuggire e chi la teme come il nulla, ma in sostanza è parte di noi tutti ed ognuno l'affronta giorno dopo giorno.
    Bella composizione. Mario
  • Anonimo il 25/06/2012 09:16
    Aspettativa, incoscienza, baldanza, arroganza, pianificazione, fiducia, sicurezza, esistono nel tempo del vivere frettoloso e in superficie. È nella solitudine, nelle notti disincantate che la coscienza ti costringe al confronto con l'altra parte di sè, con quella parte raziocinante che vive da eroe solo alla luce del sole, luce accecante di banalità.
  • viktor il 23/06/2012 19:31
    È vero Carla! i fantasmi del passato non aspettano la notte per farti visita. Ma è la notte che fanno più paura. Forse perché si è stanchi di una giornata faticosa e non si ha la forza per contrastarli. E sì, devo darti di nuovo un po' ragione, le due poesie hanno qualcosa in comune.
  • Anonimo il 23/06/2012 19:28
    a volte non solo di notte... forse perchè le ombre aiutano a riflettere e pensare ottima... un po' per contenuto somiglia alla mia... bellissima
  • augusta il 23/06/2012 10:00
    ancora una volta mi piace la chiusa... bellissima... 1 beso...
  • viktor il 22/06/2012 16:43
    Grazie a tutti per le belle parole... Fanno sempre piacere i complimenti
  • Gianni Spadavecchia il 22/06/2012 16:40
    Bei versi, incisivi e molto veri.. Piaciuta tanto!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0