accedi   |   crea nuovo account

Perchè ti fermi

Perchè ti fermi?
Il sangue sulle pietre è verde, giallo il ramarro,
il carro è fermo
Sudo desideri d’angoscia
e si perde il pianto nella valle
mentre nel cuore lo spirto muore.
Solleva il vento, sradica i cipressi,
scuoti la roccia,
distruggi la fauna selvaggia nei pressi del fiume,
fammi brandelli e seminami mirto.
Vieni, cammina, è vicina la mia mano, afferrala,
tendimi le dita:
sarà volo d’uccelli sulla gota le tue carezze,
sugli occhi di torpore dal lume spento,
ultimo alito di vita.
(1964)

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • robibreak. il 03/07/2007 14:50
    se si associano la prima frase all'ultima fa quasi rabbrividire.. Da quant'è meravigliosa la voglia di vivere che sai esprimere con pochi versi!
  • VALERIA SALLUSTIO il 02/07/2007 11:09
    Bellissima! Gli ultimi tre versi sono immagini fantastiche. Mi piace molto il verso "sarà volo d'ucceli sulla gota le tue carezze" (anche se io avrei scritto "la tua carezza". Ma in generale è una poesia molto evocativa con immagini intense e particolari... questa forza travolgente, distruttiva e creativa assomiglia all'amore! A rileggerti. Valeria
  • roberto mestrone il 02/07/2007 00:43
    Pensieri stupendi, Ugo...
    Come sempre la tua lirica trasmette forti emozioni.
    Ro
  • rossella bisceglia il 01/07/2007 20:53
    versi intensi a cui non ho potuto che dare 10
    bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0