accedi   |   crea nuovo account

E la giostra girava

Presa nelle carezze ataviche,
di un impalpabile vortice di zucchero,
che il tempo proiettava,
oltre il carcere del suo tempo,
oltre le sue seggiole
baciate da un'impietosa ruggine,
oltre quelle giunture ormai malferme,
al di là dei morsi
di sterpaglie indomabili
e foglie schiaffeggiate
dal gialleggiare di un avido autunno,
la giostra girava,
e rubava allo sguardo addolcito dei monti,
incontaminati desideri fanciulli,
con cui lucidare capelli bambini:
girava, la giostra,
come il richiamo
severo ma amorevole di una madre,
che duella con i suoi giri
per avvincere i figli
nel tepore di una cena
che duellava con il desiderio
di non interrompere mai il gioco;
girava, la giostra,
e sul suo sedile
ci si addormentava piccini piccini,
per risvegliarsi grandi,
o forse solo credendo di esserlo;
le prime ginocchia sbucciate,
salutavano l'affiorare
discreto eppur maestoso
dei primi ciuffi di barba,
la giostra capiva,
e silenziosa vorticava,
un procedere lento donava,
al volto ancora acerbo,
di ogni creatura che a lei
affidava urla intarsiate
di canto e spensieratezza;
ogni giro
un nuovo capitolo di vita,
fino all'abbraccio estasiante,
con i palpiti dello scoprirsi uomo,
gira giostra,
gira sempre dentro di me,
ora che nella mia memoria ti nascondi,
ti ritroverò, stanne certa,
perchè tu trasportare possa,
il sorriso dei miei figli.
Gira, giostra, gira,
riportami l'ebbrezza
del primo bacetto sottratto
alle labbra innocenti di una ragazza,
lo sai,
ora quella piccola è mia moglie.
E laddove gli istanti
si compiacciono di incenerire,
so che a prendermi per mano
sarai sempre tu,
tra alberi che corteggiano il sole,
e l'accartocciarsi sulla mia anima,
di uno sfavillante cielo blù.

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 13/07/2012 19:50
    LA GIOSTRA dell'autore rievoca emozioni infantili e gioiosi ricordi, da custodire nel giro inesorabile che la vita stessa offre ai suoi adulti passeggeri. Deliziose metafore e riflessioni calzanti ben si associano alle poetiche immagini che invitano il lettore a godersi i momenti allegri della giostra dell'esistenza umana. Testo apprezzato e volentieri gradito.

3 commenti:

  • caty il 23/06/2012 11:48
    Bellissima poesia.
    Mi ha fatto ritornare bambina, quando dalla giostra non volevo mai scendere.
    La vita e' proprio una giostra, bisogna salirci, e cercare di compiere il giro completo.
  • loretta margherita citarei il 21/06/2012 16:06
    molto bella la metafora della giostra per raccontare la propria vita, apprezzatissima
  • tylith il 21/06/2012 15:57
    La metafora della vita riassunta tutta in questo "giro di giostra", componimento che mi è piaciuto molto per la capacità di intrecciare il passato con un maestoso giro di giostra capace di portare magistralmente anche verso il futuro.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0