username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

ASSORTA LA CORDA VIRA

Assorta la corda vira
Dalle pagine sciolte storto l’angolo
Delicato il sentimento cade
Fra le righe si sciupa
Non morde

Gioca

Destra la mano piega
Il tuo sussurro s’alza

Piange

Dedico il mio disappunto
Al cielo che m’inganna

Stride

L’ombra del distacco
Ancora corrode la luce
Nel tremare fermo del giorno
Vado a piedi nel mio giardino

E guardo il tuo
Che appassisce non solo
Le rose non hanno profumo
Se il fiato si spacca al richiamo
Dell’unico suono che conosco

Grido

Ancora ti prego
Non smettere d’esser per me
Fuoco

Ti prego alzati
Dalla sedia e vieni
Me incontro come l’acqua al mare
Dormi che l’attimo ancora richiamo
Scioglie il senso
di noi nel mondo
per ciò che vale

Sempre stenditi e coprimi
La volontà non cede
se il sogno s’imbriglia
Ti lascio cadere
per prenderti al volo
in questa vita

S’inzuppa al seno
Un lieve succhio
Di latte
Per te all’origine
Ero io
A coltivare le zolle
Affamate e scure

Afferrami stretto
Non lasciarmi cadere
Che la semina presto
finirà

Senza germoglio mi lasci
Inutile preda di un corvo.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Emanuele Perrone il 30/12/2011 17:06
    troppo lunga secondo me... perde di efficacia
  • francesco gallina il 12/07/2007 12:14
    vibrante e, per quel che mi ha comunicato, molto sensuale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0