accedi   |   crea nuovo account

T scriv co 'ccor mman

Pe t parlà
t scriv in napoletano,
a lingua 'cchiù antica
ro munn,
e chien e magia,
musica e dignità.

T supplic
e t parl co cor 'mman,
ma m'è perdunà
se sti parol
nun s scrivn accusì,
ma c'aggia fa se
accussì me so asciut.

Tu ca si stat quasi
nu maestr pe me,
me 'mparat a campà
ncoppa a scena,
me alluccat e me
ittat pa retta via,
ma me scunsulat
a' ier e se c pens buon,
e'ccis a sacra arte
e viver ncopp
o palcoscenico.

Tu ca riciv,
t'atteggiav :
" Song o megl,
song o megl!"

Tu ca c guard cu
chella faccia
e chi vuless
ricer tanta cose bell
cu a sfacciatagine
e nu padre
ma sempe pe me
tradisti a sacra
regola ro teatro
facenn ascì
for na recita,
no no a vita no
-ma tu nun vuliv-
no i chi sap campà buon

-ma tu nun vuliv-

Chest, e sient,
song e letter
mis assiem,
comm a na trentina
e 'nnamurat
ca se vasen
sott a 'sta notte
splendent splendent
'e stell luntan luntan...
maravigliose.

26 maggio 2012

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 22/06/2012 17:24
    molto musicale, piaciuta
  • Anonimo il 22/06/2012 08:30
    che miscela di dialetti è ... bello l'effetto sonoro...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0